Q3 – Traffico in pista

Pacal Wehrlein ritorna dopo due gare d’assenza ed è il primo a scendere in pista in una sessione molto trafficata. Escono le due Mercedes con gomma soft, Bottas primo tra i grandi a marcare il tempo, mentre Hamilton deve aspettare il secondo giro lanciato per un piccolo lungo alla curva 10.

Bel giro per Verstappen che si piazza in seconda posizione anche se con gomme supersoft. Vettel terzo tempo al primo tentativo con gomma gialla mentre Kimi non contento della sua prestazione ritorna ai box, monta le super soft trovando un 3 posto, inoltre perde il monkey sit in uscita dell’ultima curva.  Colpo di scena nel finale con Sainz che ferma la sua Toro rosso per mancanza di potenza in pista e rovina il giro di Perez que resta fuori dalla Q2. Ultimo dei classificati Fernando Alonso con il quindicesimo tempo.

 

Q2 – Prima volta di Palmer

Subito fuori le due Mercedes con gomma super soft si prendono la prima e seconda posizione, seguite da un Sebastian Vettel incollato agli scarichi delle frecce d’argento a soli 61 millesimi. Più attardato Raikkonen piazza il 4 tempo a 3 decimi da Hamilton. Il tedesco Hulkenberg autore di un gran giro si piazza in quinta posizione precedendo le due RedBull, poi Massa e Grosjean e finalmente Palmer che con il decimo tempo entra nella sua prima Q1.

Delude ancora una volta Stroll que resta fuori e si becca 6 decimi dal suo compagno di squadra, cosi come   Kvjat che commette un errore nel suo ultimo giro disponibile. Gli esclusi sono nell’ordine Kvyat, Stroll, Wehrlein,Ocon e Alonso che non partecipa neanche alla sessione.

 

Q3 – Prima pole per Bottas

Questa volta la lotta per la pole si è combattuta solo in casa Mercedes con una Ferrari attardata con rispetto alle prime due prove del mondiale. Dopo il primo tentativo con una differenza di soli 52 millesimi tra le due frecce d’argento, Bottas si prende la pole con un gran giro mettendo dietro il compagno di squadra per solo 23millesimi. Vettel piazza il terzo tempo con mezzo secondo di distacco, seguito da un ottimo Ricciardo che strappa la quarta posizione ai danni di un opaco Kimi Raikkonen per solo 22 millesimi. Verstappen si deve accontentare della sesta piazza con Hulkerberg subito dietro a poco più di un decimo. Massa conquista l’ottavo posto precedendo Grosjean, mentre Palmer nella sua prima Q1 della carriera non riesce ad andare oltre il decimo posto, pagando un distacco con il suo compagno di squadra di 1,3 secondi.

di Alessandro Arcari