“Forza Ferrari !” Anche se con un accento non ancora perfetto, questo è stato il messaggio pronunciato in radio alla squadra da Sebastian Vettel, per il podio ottenuto nella sua gara d’esordio con il Cavallino Rampante. Questo è il primo podio della Scuderia dal secondo posto di Fernando Alonso del Gran Premio d’Ungheria dello scorso anno.
La gara è iniziata con una Safety Car a causa dei detriti lasciati in pista dallo scontro contro le barriere di Pastor Maldonado in curva 2. Ancor prima del via Kevin Magnussen e Daniil Kvyat avevano avuto problemi e le due vetture della Manor non si erano neanche schierate in griglia.
Le due Mercedes sono scattate dalla prima fila, seguite dalla Williams di Massa. Kimi e Sebastian sono partiti dietro al terzetto di testa, ma poi la Ferrari del pilota finlandese, rimasta bloccata dietro Massa, è finita in ottava posizione.
Una volta rientrata la Safety Car, Vettel ha saputo gestire la gara fino alla conclusione, grazie ad una buona pianificazione della strategia che gli ha permesso di passare Massa al pit-stop, effettuato al giro 24.
La gara di Kimi è stata complicata da un problema nella sostituzione del pneumatico posteriore sinistro, durante il pit-stop effettuato al giro 16. Cercando di recuperare il tempo perduto, dopo aver collezionato una serie di giri veloci ed aver passato Max Verstappen al giro 27, si è lanciato all’inseguimento di Massa. Purtroppo a causa di un problema occorso durante il suo secondo pit-stop, sempre con il posteriore sinistro, il pilota finlandese ha dovuto parcheggiare la sua SF15-T a bordo pista.
Il terzo posto di Sebastian è una grande ricompensa per tutta la squadra dopo il grande lavoro svolto durante l’inverno e un forte incentivo per imparare dal fine settimana di gara e prepararsi alla prossima sfida in Malaysia.

Le interviste del dopo gara:


seb_vettelSebastian Vettel: “Sul podio non è suonato l’inno italiano, ma possiamo essere molto contenti di questo week end. Peccato che un piccolo errore abbia impedito a Kimi di finire la gara, ma in generale è stato un fine settimana molto “pulito”. La cosa più importante è che abbiamo una buona vettura, una piattaforma valida su cui continuare a lavorare. Quindi grazie e complimenti anche alle persone che hanno lavorato a Maranello, oltre a quelle che erano qui in Australia. Senza di loro questo risultato non sarebbe stato possibile. Il via non è stato eccezionale, le gomme hanno pattinato troppo e quando ho cercato di tenere la traiettoria interna erano ancora troppo fredde. In gara abbiamo adottato una grande strategia, che ci ha permesso di scavalcare la Williams – che aveva una buona velocità di punta – con il nostro unico pit-stop. Ora dobbiamo confermarci nelle prossime gare e poi, un passo alla volta, speriamo di iniziare ad avvicinarci alle Mercedes. Il distacco è ancora grande, ma fra tutte le squadre credo che la nostra sia quella che è cresciuta di più durante l’inverno. Da tanto tempo sognavo di correre per la Ferrari, e questo è arrivato al momento giusto. Ho bevuto lo champagne sul podio e ne ho tenuto un po’ per i ragazzi del team, perché mi hanno detto che a loro piace molto… Grazie ai tifosi, abbiamo una grande macchina non solo per la qualifica ma anche per la gara. Speriamo di salire ancora sul podio e magari anche di conquistare qualche vittoria!”.

kimi_Kimi Raikkonen: “Poco dopo la partenza qualcuno mi ha colpito da dietro. Poi ho sentito un altro urto sulla fiancata destra, ma non credo fosse la vettura di Sebastian. Il contatto ha attivato il sistema antistallo e provocato qualche danno al fondo scocca della monoposto. In gara eravamo molto veloci, in condizioni di raggiungere la Williams e di lottare per il podio, ma poi ci sono stati problemi in entrambi i pit-stop. Non so esattamente cosa sia successo, ma so che avevamo perso qualcosa in termini di deportanza. Il podio del mio compagno di squadra è un grande risultato per il team. Già in qualifica, nonostante un mio errore nel giro veloce, sapevamo di avere una buona vettura. E in gara il divario dalla Mercedes è sembrato ridotto rispetto al sabato. Semplicemente, a me oggi è successo di tutto”.

arrivabeneMaurizio Arrivabene: “Oggi sono contento a metà, perché la vera gioia è quando vinci. Sono felice per il podio e per Seb, ma soprattutto per la squadra, perché questo è un buon punto di partenza, anche se non è sicuramente un punto d’arrivo. Mi spiace per Kimi perché abbiamo visto tutti quanto andasse forte in gara, ma
al secondo pit-stop c’è stato un problema con un dado la cui filettatura si era già spanata durante la prima sosta. E’ stato comunicato un possibile problema e abbiamo deciso di fermare subito la vettura, perché la sicurezza viene prima di tutto. Per la Malesia teniamo i piedi per terra, perché l’Albert Park è una pista un po’ particolare. Se oggi avessimo avuto anche la seconda Williams in gara, ci sarebbe stato un riferimento migliore sulla concorrenza. Adesso che ci siamo resi conto di andare bene, dobbiamo anche iniziare a smettere di ragionare ‘da secondi’ e iniziare a pensare più in grande”.

La Redazione www.newsf1.it

A proposito dell'autore

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: