Ferrari F1 – Nonostante la breve pausa che la Formula 1 si sia presa prima di rientrare in pista a Singapore la prossima settimana, le discussioni e i pensieri non si fermano certo e, anzi, viaggiano più veloci che mai quando c’è meno lavoro da fare in pista. A tal proposito già ieri vi avevamo riportato le idee di Toto Wolff in merito al limite di componenti della power unit che la FIA impone annualmente, solamente 3 PU possono essere cambiate nel corso dell’anno senza incorrere in penalità, questo ha portato 9 piloti su 20 schierati in griglia di partenza ad essere penalizzati proprio per questo motivo, generando un enorme caos a seguito delle qualifiche per cercare di capire come sarebbe potuta essere la griglia di partenza della domenica.

Anche se Toto aveva detto che questo sistema funge da deterrente per evitare un cambio di motore ad ogni gara, non aveva certo nascosto le difficoltà associate che andrebbero sicuramente risolte per evitare spiacevoli incomprensioni come quelle accadute a Monza. Anche il team principal della Ferrari Mattia Binotto si è voluto esprimere a riguardo:

“Per i prossimi anni bisogna valutare un aumento del numero delle power unit a disposizione: forse sono troppo poche”, ha affermato Binotto lanciandosi poi in una dichiarazione sul regolamento e sulla gestione delle penalità: “Per un tifoso non è bello vedere una monoposto in pole position che non può scattare davanti a tutti perché ha subito delle penalità in griglia. Tanto tempo per scrivere il regolamento? Il motivo è che ci sono certamente interpretazioni diverse e il regolamento non è abbastanza chiaro. Questo è qualcosa che dobbiamo affrontare certamente per il futuro. Penso che non solo come decidiamo la posizione della griglia in base alle sanzioni, penso che anche la quantità di sanzioni che abbiamo siano esagerate”

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: