Il campione del mondo 1997, intervenuto nel nuovo episodio di “Beyond The grid”, il nuovo podcast ufficiale della Formula 1, ha parlato a 360° soffermandosi su diversi argomenti tra cui il futuro di Kimi Raikkonen.

Le speculazioni riguardanti il futuro di Kimi Raikkonen sono oramai una costante negli ultimi anni e visto che i protagonisti del mondiale stanno ancora godendosi gli ultimi giorni di riposo nella consueta pausa estiva, non è ancora stato ufficializzato dove correrà il finlandese nel 2019.

Naturalmente la decisione finale spetterà alla dirigenza della Ferrari, ma se la decisione fosse di un ex campione del mondo quale è Jacques Villeneuve, Raikkonen avrebbe già avuto un contratto bello e firmato con la scuderia di Maranello.

In un intervista rilasciata nell’episodio di questa settimana per il nuovo podcast della F1,”Beyond The grid”, Villeneuve oltre a ripercorrere ciò che è stata la sua esperienza nella massima formula, ha parlato anche della situazione di stallo che riguarda il rinnovo di Kimi Raikkonen con la Ferrari. Secondo il canadese, Ferrari farebbe bene a continuare per un altro anno con il finlandese poichè, al momento, sta dando grande continuità alla squadra.

“Guarda che lavoro sta facendo (riferendosi a Kimi). e’ terzo in campionato e spesso è più veloce di Vettel o quando rimane dietro a lui, lo è per un decimo”-ha ragionato Jacques– “Kimi è fondamentale nello sviluppo della macchina e al momento il team, nel suo insieme, sta funzionando bene”.

Risultati immagini per villeneuve raikkonen

Villeneuve ha poi voluto sottolineare la “fame” di Sebastian Vettel per la vittoria, la quale demolirebbe qualsiasi giovane di poca esperienza salga sul volante della Rossa. Il chiaro riferimento va a Charles Leclerc, che dopo un solo anno in Alfa Sauber, per molti sarebbe già pronto per il salto nella squadra “madre”.

“Metti un giovane pilota accanto a Vettel e Seb cosa farà? Proverà a mangiarlo vivo. O distruggerà psicologicamente il ragazzo o finirà in lacrime e la squadra risentirà di tale cosa sconvolgendo gli equilibri interni in nemmeno 2 anni. E ciò non è costruttivo”

Il figlio del mitico Gilles non crede quindi alla promozione dopo un solo anno in F1 di Leclerc, poichè il giovane monegasco sta ancora commettendo degli errori e un anno in più per “farsi le ossa” lo aiuterà per il grande salto in un top team in futuro, magari tra due anni.

“Charles sta commettendo ancora alcuni errori– ha sottolineato il canadese- “sarebbe fantastico vederlo in Ferrari, ma magari tra un paio di anni”.

Infine,il 47enne ex campione di F1 e 500 miglia di Indianapolis, ha voluto evidenziare che Ferrari, come Mercedes, è un top team in cui si preferiscono piloti quando sono già  all’apice della carriera e quando vengono giudicati all’altezza di sostenere la pressione mentale di un top team. Motivo per il quale, un pilota inizia la sua crescita in un junior team dove può accumulare esperienza ed essere preparato al meglio.

“La Ferrari, come la Mercedes, non è una squadra per preparare i piloti ma una squadra di vertice. I migliori team pagano i piloti quando sono al meglio e sopratutto quando li ritengono validi, ecco perchè esistono i junior team: per prepararli.” ha concluso Villeneuve

Giuly Bellani

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: