“Mi sento come se stessi solo correndo duro”, ha detto Verstappen a The Race in un’intervista esclusiva. “Non mi sembra di correre aggressivo. Certo, renderò le cose difficili se le persone cercheranno di passarmi”

Max Verstappen non si considera un pilota “aggressivo”, nonostante il suo passato dica il contrario. Certo, con il tempo e la maturità i miglioramenti, soprattutto in termini prestazionali, sono arrivati. “Cercherò sempre di rendere la via difficile agli altro, certo”. -Ha aggiunto- “Ma penso che la mia consapevolezza di dove posso posizionare la mia macchina sia davvero buona e non sono stato coinvolto nell’avere un’altra macchina fuori pista. Ho zero punti di penalità. Penso che dica molto”.

“Ho corso duramente per tutta la mia carriera. E negli ultimi anni, l’approccio aggressivo è uscito. Lo sto solo rendendo più difficile per le persone. Certo, alcune persone potrebbero pensarla un po’ diversamente, ma in realtà penso che il lato delle corse sia un mio punto di forza e so anche davvero come rimanere fuori dai guai”

Red Bull
Red Bull

Poi la frecciatina al suo rivale nel mondiale

“Ma non dipende tutto da te se altre persone ti guidano addosso”. Max Verstappen termina con un riferimento appena velato a Lewis Hamilton e alla loro controversa collisione nel Gran Premio di Gran Bretagna. “Continuerò a correre come ho fatto”, dice di Silverstone. “Mi sentivo come se non avessi fatto nulla di sbagliato in quella lotta. Gli ho dato spazio più che sufficiente, ma ha completamente valutato male le velocità in curva, e soprattutto l’angolo in cui ha preso quella curva. Quando vai così vicino al muro interno, all’ingresso di Copse, e poi provi ancora a fare la stessa velocità che sto facendo io mentre apro di nuovo la curva e poi gli dai più di una larghezza di macchina, hai esaurito la strada”

Il “successo” di Verstappen risiede probabilmente nel fatto che in pista è dedito al compito che deve svolgere, mentre fuori è più rilassato. È stato il suo approccio sin dalla giovinezza, qualcosa che avrebbe fatto impazzire suo padre Jos poiché dava l’impressione che a Max non importasse. Ma lo ha sempre fatto, e lo fa ancora. L’accumulo del GP di Ungheria ha ricordato che può rapidamente ribollire quando ha scartato le domande sulla sua collisione con Hamilton in conferenza stampa.

L’Olandese sembra completamente a suo agio in questo ambiente ad alto rischio. In questa stagione è passato dal nutrirsi di scarti al banchettare al tavolo di testa e non sembra affatto fuori posto: degli otto Gran Premi in cui non gli è successo qualcosa di drammatico ne ha vinti cinque ed è arrivato secondo negli altri tre.

Essere un contendente al titolo ha cambiato poco il suo comportamento o il suo approccio. Semmai, aggiunge, “mi sento più rilassato”.

“Mi sto divertendo molto. Sono molto concentrato su ogni singolo weekend di gara. È molto meglio andare a correre il fine settimana sapendo che c’è una grande possibilità di lottare per una vittoria rispetto a una possibilità occasionale. Quindi, mi sento molto meglio”. Questa è un’opportunità che si stava preparando da anni. Quando aveva appena 17 anni, Verstappen aveva già abbastanza talento per la F1. Gli anni da allora sono stati spesi per completarlo come pilota, un processo che la maggior parte delle volte attraversa in altre categorie junior, che Verstappen ha saltato.

Il leggendario direttore tecnico della Red Bull, Adrian Newey, parla incredibilmente bene del pilota e della persona che Verstappen è diventato. “Ha la stessa grinta d’acciaio di cui ogni campione del mondo ha bisogno per scavare e andare avanti di fronte alle avversità”, afferma Newey. “Se le cose vanno male, può lasciarsi tutto alle spalle e aspettare con ansia il prossimo. La sua abilità di guida è ovviamente superba, la sua capacità di convivere con un’auto neutra dove il retrotreno si muove un po’, è eccezionale”

“Ed è maturato in un grande pilota. Quest’anno non ha davvero commesso errori. Se includi l’Ungheria, che era semi-effettivamente un DNF, allora ha avuto tre DNF non per colpa sua. Ma ha tenuto la testa alta e si è ripreso da tutto questo. La sua velocità naturale è molto chiara. Il suo feedback è molto buono. Max ha un ottimo equilibrio nel concentrarsi sulle parti chiave di cui ha bisogno per rendere la macchina veloce.

Il capo sportivo di F1 Ross Brawn ha suggerito all’inizio di questa stagione che Verstappen avesse bisogno di cogliere ogni possibilità e incassare ogni punto possibile, e ha capito come bilanciare rischio e ricompensa.

“Penso di essere migliorato molto in questo nel corso degli anni, anche se penso che sia molto naturale” commenta Verstappen. “Ho fatto un anno di F3 e poi sono passato direttamente in F1, quindi devi impararlo, specialmente quando hai una macchina appena combattendo di più nelle prime posizioni, non è necessario correre tutto o niente tutto il tempo. Devi fare punti in ogni singolo Gran Premio. Non è sempre possibile o nelle tue mani fare punti, ma penso che stia andando bene già dal 2018 direi”

Infine l’Olandese è migliorato tanto anche sull’approccio. Ora arriva a dire: “Ho sempre voluto essere il primo. Ogni singola sessione di pratica. Ho sempre voluto essere il più veloce dove non è sempre necessario. Questo è quello che è cambiato un po’ nel corso degli anni”.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: