La conferenza stampa tenuta ad Austin da Ross Brown, Nikolas Tombazis e Chasey Carey ha svelato i nuovi regolamenti 2021. Scopriamoli insieme mentre i fan sono già divisi.

Ad Austin è andata in scena la conferenza stampa che ha deciso il futuro della Formula 1. Il delegato tecnico della FIA Nikolas Tombazis, il patron di Liberty Media Chase Carey ed il responsabile sportivo del circus Ross Brawn sono intervenuti illustrando il nuovo regolamento tecnico e sportivo che entrerà in scena nel 2021. Si tratterà della più grande rivoluzione della storia, superiore anche a quella che un lustro fa portò alla luce le power unit.

L’incontro con i media presso il tracciato texano ha chiarito che le nuove regole sono state ufficialmente approvate, sia dal punto di vista tecnico che sportivo. Per quest’ultimo le modifiche saranno radicali, distaccandosi di netto con il presente:

-il numero massimo di gare sarà 25
-weekend ridotto a 3 giorni
-le attività dei media verranno spostate al venerdì mattina
-le FP1 e FP2 saranno il venerdì pomeriggio
-La macchina esaminata al venerdì sarà quella che gareggerà, non si potranno utilizzare parti montate più tardi. -Se si provera un’ala, non si potrà utilizzare in gara
-restrizioni del lavoro al banco per i produttori delle power unit
-restrizioni di lavoro per la galleria del vento e al simulatore CFD

Dalle prime voci, le nuove vetture andranno a perdere tra i 3 ed i 5 secondi in termini di performance, tornando sulle prestazioni 2016 secondo quanto dichiarato da Jean Todt. Il presidente della Federazione Internazionale ha aggiunto: ”Si tratta della rivoluzione più importante per uno sport motoristico, andiamo ad affrontare sia gli aspetti sportivi che tecnici ed economici. Il regolamento 2021 è frutto di una grande collaborazione e lo reputo un gran traguardo”.

I canali social della Formula 1 hanno divulgato le foto del modello della nuova monoposto, creando opinioni molto contrastanti tra tifosi ed appassionati. Il rischio è che questa formula possa spostarsi troppo verso il monomarca, con parti standardizzate in grado di limitare la creatività dei team. Le migliorie aerodinamiche introdotte nel 2017 andranno così a scomparire, visto che le prestazioni verranno notevolmente diminuite. Ora inizia una lunga attesa che durerà all’incirca un anno e mezzo, fino a quando le squadre andranno a presentare le loro creature ”futuristiche”.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: