Il capo della Mercedes di Formula 1 Toto Wolff afferma che “adorano” che la rivale del titolo Red Bull stia dedicando tempo a interrogarsi sull’unità di potenza Mercedes con la FIA.

Come riportato da The Race in vista del fine settimana del Gran Premio d’Olanda, la Red Bull ha presentato una domanda all’organo di governo in merito ai sensori dell’unità di potenza Mercedes che registrano le temperature del plenum di aspirazione del motore. La Mercedes ha rivelato, quando ha lanciato la sua vettura 2021, che quel lavoro significativo era andato a sviluppare il plenum per produrre più potenza dal motore a combustione interna.

Si ritiene che il plenum di ingresso abbia pareti che possono essere riempite con liquido super raffreddato per raffreddare così più efficacemente l’aria all’interno della camera del plenum, il che sarebbe utile in un breve scoppio durante la fase di accelerazione.

Per regolazione, la temperatura dell’aria del plenum deve essere almeno 10 gradi sopra la temperatura ambiente esterna (come media sul giro) e i sensori FIA lo seguono per garantire la conformità.

Mercedes Wolff Bottas Foto Lat
Foto Lat

“Amiamo il fatto che trascorrano del tempo su queste cose e nella ricerca, e accogliamo con favore qualsiasi iniziativa che desiderano fare”, ha detto Wolff a Sky Sports F1 quando gli è stato chiesto della questione. “Se questa è una distrazione per l’altra squadra, va bene. Questo succede sempre. Sono abituato a questo ed è il normale corso degli eventi.”

L’eventuale sottoraffreddamento del liquido nelle pareti del plenum non implica che l’aria all’interno del plenum sia al di sotto della temperatura minima di legge ma sicuramente la raffredderebbe più efficacemente, e più bassa è la temperatura, più denso è il contenuto di ossigeno e maggiore la combustione sarà.

Red Bull si chiede se i sensori di temperatura siano situati in un luogo che catturerebbe qualsiasi abbassamento al di sotto del minimo legale. “Come è la natura con tutti i chiarimenti tecnici, vanno continuamente tra tutte le squadre e quei chiarimenti di solito servono per accertare se qualcosa è agli occhi dell’organo di governo accettabile come soluzione”, ha detto il capo del team Red Bull Christian Horner quando The Race gli ha chiesto di chiarire l’intento della domanda.

“E poi, naturalmente, se è così, segui l’esempio. Ma ne abbiamo avuti molti quest’anno con la nostra macchina e penso che non sia qualcosa di unico per Red Bull. Ovviamente, anche il dialogo tra gli ingegneri all’interno dei loro forum, all’interno dei gruppi di lavoro tecnici, è un processo continuo, quindi sono sicuro che non sarà una grande sorpresa”.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: