Charles Leclerc ha fatto il miglior tempo in una sessione molto ritardata e prolungata, dopo che i tombini hanno rovinato la FP1. Il monegasco ha girato in 1:29.872, staccando di oltre mezzo secondo il suo compagno di squadra Carlos Sainz, che però partirà dalla 12esima posizione al massimo dopo aver ricevuto una penalità di 10 posizioni in griglia per aver rotto la sua macchina in FP1. La Ferrari ha mostrato un ottimo passo e una buona affidabilità, completando 72 giri tra i due piloti.

Fernando Alonso è stato terzo con l’Aston Martin, a 0.528 secondi da Leclerc. Lo spagnolo ha confermato il buon momento della sua squadra, che ha portato delle novità tecniche per questa gara. Alonso ha preceduto Sergio Perez, il più veloce tra i piloti Red Bull. Il messicano ha fatto segnare il quarto tempo, a 0.635 secondi dalla vetta, ma ha avuto anche un problema al cambio che lo ha costretto a fermarsi ai box per un po’.

Valtteri Bottas ha sorpreso con il quinto tempo con l’Alfa Romeo, a 0.737 secondi da Leclerc. Il finlandese, che l’anno prossimo tornerà alla Mercedes, ha dimostrato di aver preso confidenza con la sua nuova macchina e ha battuto il campione del mondo Max Verstappen, che si è dovuto accontentare del sesto posto, a 0.760 secondi dal leader. Il olandese non è sembrato molto a suo agio sul tracciato cittadino di Las Vegas e ha commesso anche qualche errore.

Nico Hulkenberg ha portato la Haas al settimo posto, a 0.915 secondi da Leclerc. Il tedesco, che sostituisce Mick Schumacher per questa gara, ha fatto un ottimo lavoro e ha sfruttato al meglio le gomme morbide. Ha preceduto Lance Stroll, ottavo con l’altra Aston Martin, a 0.929 secondi dalla vetta.

Lewis Hamilton è stato nono con la Mercedes, a 1.021 secondi da Leclerc. Il britannico, che cerca di ridurre il distacco da Verstappen nella classifica piloti, non è riuscito a trovare il giusto feeling con la sua W13 e ha sofferto di sottosterzo e di usura delle gomme.

Alex Albon ha chiuso la top-10 con la Williams, a 1.049 secondi dal leader. Il thailandese, che tornerà alla Red Bull l’anno prossimo al posto di Perez, ha fatto un buon lavoro e ha tenuto dietro il suo compagno di squadra George Russell, undicesimo.

La sessione si è svolta senza pubblico, perché la polizia ha fatto evacuare le tribune prima dell’inizio per “motivi logistici”, secondo gli organizzatori. Si tratta di una situazione molto insolita e spiacevole per i tifosi che avevano acquistato i biglietti per assistere alle prove libere.

Classifica finale

Foto Formula1.com via twitter.

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto