F1 Hamilton non ci sta’, insoddisfatto dei risultati chiamerà i suoi tecnici e responsabili Mercedes per organizzare la rinascita della W13 .

Con Mercedes ancora in lotta per superare i problemi che hanno influenzato la W13 dai test pre-stagionali, Lewis Hamilton vuole che la squadra non perda un momento a capire come fare progressi.

È chiaro che la Mercedes non può permettersi di aspettare altre due o tre gare per potenziali aggiornamenti di sviluppo, motivo per cui questa settimana spingerà al massimo con la direzione della casa automobilistica tedesca e i partner sponsor per vedere cosa si può fare.

Hamilton
F1 Hamilton

“C’è molto lavoro e ci saranno molte chiamate, naturalmente”, ha detto Hamilton riguardo ai suoi piani prima della prossima gara di Imola.

“Sto inseguendo le persone che sono nella galleria del vento, i ragazzi dell’aerodinamica, e sto guardando assolutamente ogni singola area”, ha detto. “Ci sono prestazioni da guadagnare in aree che conosciamo. E ne abbiamo bisogno ora. Non in due o tre gare. Sappiamo tutti come squadra che dobbiamo solo mantenere quell’incoraggiamento e mantenere alta quell’energia”.

Sebbene la Mercedes sia attualmente seconda nel campionato costruttori e George Russell sia dietro Charles Leclerc nella classifica piloti, il divario di passo rispetto a Ferrari e Red Bull rimane evidente ed inferiore. E mentre chiudere quel deficit non sarà facile, Hamilton resta fiducioso che la Mercedes abbia più spazio per migliorare con la sua vettura rispetto alle ben ordinate Ferrari e Red Bull.

“Preferisco rimanere ottimista”, ha detto.

“Ci sono 20 gare da disputare. Se pensi realisticamente, con il modo in cui va lo sport in termini di sviluppo di tutti, i top team spesso si sviluppano a un ritmo e un ritmo simili. Spero davvero di poter entrare presto in battaglia. Sì il divario è abbastanza grande in questo momento, ma c’è ancora molta strada da fare”.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: