F1, e Ferrari si confermano al top con Bottas a mezzo secondo. Sorprende Ricciardo mentre soffre la Red Bull e Lewis va a muro

Formula 1. la Ferrari fa sul serio. La terza sessione di prove libere del Gran Premio del Belgio ha ricalcato il copione del venerdì, con Charles Leclerc e Sebastian Vettel che si sono messi al comando delle operazioni staccando un altro 1-2. Il monegasco è in testa girando in 1’44”206, rifilando ben 451 millesimi al compagno di squadra. La sensazione è che Charles abbia optato per un cambio di set-up, migliorando notevolmente la parte centrale per privilegiare la gestione delle gomme in gara.

Sessione dai due volti per la Mercedes: se da una parte Valtteri Bottas ha ridotto il gap dalle rosse portandosi a meno di mezzo secondo girando in 1’44”703, Lewis Hamilton ha invece commesso un errore. Il campione del mondo ha sbattuto alla curva di Fagnes perdendo la vettura sul cordolo e danneggiando la sospensione anteriore sinistra. La W10 del britannico è stata prontamente riportata ai box dove i meccanici tenteranno di rimetterla in sesto in tempo per la qualifica, ma non dovrebbero esserci problemi in tal senso. Lewis si è dovuto accontentare del settimo tempo in 1’45”566.

 

La sorpresa è in assoluto Daniel Ricciardo. La Renault ha puntato su un assetto eccezionalmente scarico, che ha permesso all’australiano di andare fortissimo sia nel primo che nel terzo settore. Per il momento la scelta del team di Enstone sta pagando, visto che l’australiano ha chiuso in quarta piazza girando in 1’44”974. Alle sue spalle una Red Bull targata Honda che non si conferma a proprio agio. Max Verstappen è quinto a più di un secondo dalla vetta, mentre Alexander Albon chiude il gruppo dopo aver fatto prove esclusivamente sul passo gara, in quanto scatterà in fondo al gruppo.

Nonostante il cambiamento della power unit ed il ritorno alla versione precedente, la Racing Point e Sergio Perez confermano il loro ruolo da protagonisti. Il messicano è sesto in 1’45”521, prestazione che lo ha avvicinato molto ai big. Bene anche le Alfa Romeo Racing di Kimi Raikkonen ed Antonio Giovinazzi che sono ottava e nona. Chiude la top ten un Pierre Gasly in ripresa sulla Toro RossoHonda. Ancora in ombra le Haas, visto l’undicesimo tempo di Grosjean ed il tredicesimo di Magnussen. In mezzo a loro si situa Nico Hulkenberg che si prende quasi un secondo dal compagno di squadra.

Male per ora le McLaren che si confermano nelle retrovie con Sainz e Norris. Piuttosto deludente anche Lance Stroll, soltanto diciassettesimo davanti a Daniil Kvyat ed alle Williams di Russell e Kubica. Alle 15 la qualifica.. 

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: