Leclerc torna davanti, doppietta del Cavallino che ottiene la quarta pole stagionale. Seb e le Mercedes si prendono sette decimi di ritardo

Strepitosa prova di Charles Leclerc e della Ferrari nelle qualifiche del Gran Premio del Belgio. Sul tracciato di SpaFrancorchamps il monegasco ha ottenuto la terza pole stagionale, con una prova da campione che lo consacra tra i fenomeni assoluti di questo sport. Nell’ultimo tentativo del Q3, Charles ha girato in 1’42”519 stampando anche il nuovo record della pista. Quello che impressiona è la differenza con gli altri: Sebastian Vettel completa la doppietta del Cavallino, ma in 1’43”267 si è beccato oltre sette decimi dal giovane fuoriclasse che scatterà in testa.

Sicuramente una qualifica che da un pò di respiro alla Ferrari dopo il disastro ungherese, ma adesso conta tantissimo trasformare questo risultato nella prima vittoria stagionale. Nulla ha potuto la Mercedes, troppo lontana sui rettilinei dal missile rosso. Lewis Hamilton è terzo in 1’43”282, arrivando a soli 15 millesimi dal tedesco e sfiorando la prima fila. Peggio ancora è andata a Valtteri Bottas, quarto a quasi un secondo dalla pole. Niente da fare anche per la Red Bull targata Honda, quinta con Max Verstappen in grossa sofferenza nei tratti veloci.  Charles Leclerc

Positiva la prova delle Renault, che hanno confermato i passi avanti della power unit di Enstone. Sesto tempo per Daniel Ricciardo, seguito a ruota dal compagno di squadra Nico Hulkenberg. Ottavo un fantastico Kimi Raikkonen, che al volante dell’Alfa Romeo Racing conferma il suo feeling con il tracciato belga. Chiudono la top ten la Racing Point di Sergio Perez e la Haas di Kevin Magnussen.

Leclerc festeggia con il gommino Pirelli

Nel Q2 sono stati eliminati Romain Grosjean, Lando Norris con la McLaren e Lance Stroll. Alexander Albon ha evitato di scendere in pista, in quanto nella giornata di domani scatterà dal fondo dello schieramento. Nel Q1 si è assistito ad un evento sfortunato per i nostri colori. Un ottimo Antonio Giovinazzi era in ottava posizione e si stava tranquillamente qualificando alla fase successiva, ma a pochi secondi dalla bandiera a scacchi la power unit Ferrari è esplosa lasciandolo a piedi. Un gran peccato per il pugliese, ma non si è trattato dell’unico colpo di scena del pomeriggio. In precedenza anche il motore Mercedes della Williams di Robert Kubica è andato in fumo, costringendo alla prima bandiera rossa di giornata. Gli altri eliminati sono stati Pierre Gasly e Daniil Kvyat con le Toro RossoHonda, Carlos Sainz e George Russell. Alle 15:10 di domani la partenza della gara.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: