Pedro de la Rosa ha corso contro Fernando Alonso per la prima volta in Formula 1 nel 2001, ha condiviso brevemente un box con lui quando lo spagnolo di Oviedo ha provato per la Jaguar nel 2002, poi è stato compagno di squadra come collaudatore della McLaren nel 2007. Ora lavorano di nuovo insieme all’Aston Martin, dove de la Rosa ha recentemente assunto un ruolo di ambasciatore.

Come Alonso, de la Rosa è uno dei soli otto piloti negli ultimi tre decenni e mezzo a correre in F1 quando aveva 40 anni. In combinazione con la sua familiarità con Alonso, questo significa che è ben posizionato per spiegare perché rimane formidabile in F1 all’età di 41 anni.

“Fernando non è normale” commenta nella motivazione che ha per gareggiare, dato che non crede che di solito sia il deterioramento fisico a portare i piloti al ritiro.

Più che altro, vede l’atteggiamento come il fattore chiave di differenziazione che consente ai sacrifici richiesti di continuare a un’età in cui la maggior parte dei piloti è andata in pensione. Ciò è stato chiarito assistendo all’approccio di Alonso al suo primo test Aston Martin ad Abu Dhabi lo scorso novembre.

De la Rosa non si è ritirato dalla F1 fino all’età di 40 anni alla fine della sua ultima stagione con la HRT nel 2012. Sebbene abbia avuto una carriera in F1 stop-start di 104 gare dal 1999 al 2012, completando solo un’intera stagione in quattro di quegli anni, de la Rosa suggerisce che se si fosse trovato nella situazione di Alonso con così tanti successi alle spalle, già da tempo si sarebbe ritirato.

“Sicuramente l’avrei chiamato un giorno se fossi stato in macchina regolarmente come ha fatto lui”, ha commentato De la Rosa a The Race.

“La mia carriera è stata un po’ speciale perché sono stato fuori e dentro, e ogni volta che sei fuori, vuoi tornare. Inoltre, hai una pausa, quindi ti dà più ossigeno o energia per tornare. Nel suo caso è diverso. Ma Fernando non è normale, è un ragazzo motivato. Quando non è in macchina da corsa nel fine settimana, mi chiama e vuole organizzare una gara di 24 ore. Quindi, gli dico: “Amico, hai appena finito la stagione, tutti vogliono andare in vacanza” e lui vuole tornare a correre, a dicembre. Quindi questo è Fernando. Il bello di lui è che è diverso e sembra che non ne abbia avuto abbastanza delle corse automobilistiche”.

De la Rosa descrive Alonso come se ora avesse lo stesso approccio di quando lavoravano insieme alla McLaren più di 15 anni fa.

“Quello che mi ha davvero sorpreso di lui è che stava facendo il montaggio del sedile [Aston Martin] e il suo sorriso, il suo atteggiamento, la sua motivazione è esattamente la stessa della prima volta che ho lavorato con lui in McLaren nel 2007. Esattamente lo stesso approccio, esattamente tutto: preparazione, motivazione, atteggiamento, aspettative. È un pilota nato per natura. Questo è ciò che mi colpisce di più di Fernando perché possiamo discutere sulla sua velocità e su tutto, tranne la motivazione, l’atteggiamento è ciò che è davvero il più grande elemento di differenziazione in qualsiasi sportivo, specialmente a questa età”, ha ricordato.

UNA QUESTIONE DIVERSA

“Ho dovuto ritirarmi perché nessuna squadra mi voleva, questa è una questione diversa, ma quello che ho sentito negli ultimi anni è stato che la mia vista era cattiva o stava peggiorando. Non era al 100%, forse era al 98%. Non è stato un grosso problema, ma potevo sentire che quello era l’unico fattore. Ma poi ho corso con le lenti [a contatto], quindi non credo che sia stato un grosso problema. A Le Mans si potrebbe obiettare che potrebbe essere un po’ più difficile, ma in Formula 1 non ho avuto alcun problema. Non so quanto tempo passi prima che si inizia a sentirlo, ma deve essere progressivo e graduale. Rispetto ad altri sport, nelle corse automobilistiche, se il livello di prestazione non è al 100% e diminuisce con l’età, diminuisce a un ritmo molto lento, che è anche difficile da rilevare”, ha continuato De la Rosa.

De la Rosa vede anche i punti di forza di Alonso in pista

Cita la velocità con cui riesce a trovare il limite in condizioni variabili come qualcosa che continua a distinguersi.

“Il problema che ha è che arriva sempre al limite della macchina o delle condizioni subito, mentre molti altri piloti aumentano gradualmente la velocità”, dice de la Rosa. “Nel primo trimestre sta già fornendo il massimo numero di condizioni. Quindi, quando arrivi alla Q3, molti piloti si accumulano gradualmente, continuano a spingere, sperimentando un po ‘di spinta al limite e poi alla fine lo eguagliano. Se le qualifiche fossero a un solo giro dal box in Q1, penso che Fernando si distinguerebbe un po’ di più”.

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: