Il finlandese della Mercedes potrebbe usufruire della quarta unità nel GP del Belgio

Il week-end del Gran Premio del Belgio rischia di iniziare con un colpo di scena. Valtteri Bottas era stato l’unico dei top driver a montare la terza specifica della power unit in occasione di Silverstone, dopo che la rottura del cambio in Austria aveva compromesso la versione precedente. Alla vigilia di Spa pareva certa l’introduzione, da parte della Mercedes, delle Evo 3, ideale per piste super veloci come quella delle Ardenne e Monza. Ora pare che il tutto possa spostarsi proprio al Gran Premio d’Italia.

Sulle W09 sarà montata la nuova ICE, sia per Hamilton che per Bottas. Per il finlandese significherebbe quindi una partenza dal fondo della griglia in una delle prossime due gare, dato che in questi tracciati le rimonte sono facilmente raggiungibili dato la superiorità della vettura tedesca. Bottas potrebbe successivamente tornare al motore numero 3 in gare come Singapore, dove la potenza non rappresenta il fattore determinante e quindi potrà concludere il mondiale senza il rischio di incappare in ulteriori retrocessioni in griglia.

Per quanto riguarda la sfida per il mondiale, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel sono praticamente in parità riguardo alla gestione delle Power Unit. L’unico piccolo vantaggio è per il campione del mondo della Mercedes, che ha utilizzato MGU-K in meno del ferrarista. Questo fronte sarà di certo decisivo per quanto riguarda la corsa verso il titolo, che riparte proprio domenica a Spa dopo la pausa estiva.