L’ex pilota di Formula 1 ritiene che le squadre debbano pensare fuori dagli schemi se vogliono battere la Red Bull e porre fine al loro dominio. Gerhard Berger ritiene che le squadre debbano essere disposte a prendere ‘misure radicali’ se vogliono battere la Red Bull.

La squadra ha goduto di un dominio senza precedenti durante la stagione 2023, ottenendo 21 vittorie su 22 gare con Max Verstappen e Sergio Perez al volante della RB19.

Le rivali Mercedes e Ferrari si sono affannate durante la pausa invernale per produrre una macchina che possa colmare il divario con loro, con Berger che ritiene che debbano essere disposte ad accogliere nuove idee. “In Formula 1, le cose sono sempre diverse da come si pensa. L’asticella è molto alta. Se la Red Bull mantiene le sue truppe così unite, sarà difficile raggiungerla. Può funzionare solo se gli altri prendono misure radicali. La Ferrari è ancora quella che si fida di più”, ha detto a Auto Motor und Sport.

Ferrari F1 Berger
Ferrari F1 Berger

“Sono stati migliori nella seconda parte della stagione di quanto mostrassero i risultati. Mercedes e Hamilton non vanno mai sottovalutati, e anche la McLaren fa un ottimo lavoro.”
Berger: Il dominio di una squadra spinge gli altri a cercare la perfezione
Berger ha paragonato Michael Schumacher durante la sua era di dominio con la Ferrari, che dovrebbe fungere da motivazione per le altre squadre per battere la Red Bull.

“Già ai tempi di Schumacher dicevamo: Questa non può andare bene per molto tempo. Ma un tale dominio suscita anche un certo entusiasmo, anche in me. Sei poi semplicemente rapito dalla perfezione”, ha detto Berger.

“Che il pilota non faccia di nuovo errore, che la squadra srotoli di nuovo ogni pit stop nel miglior tempo, che la macchina non si fermi di nuovo e il motore si fermi di nuovo. Questo esercita già una fascinazione e vuoi solo sapere se sarà così anche la prossima volta.”

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto