Dal 2011, le vetture di F1 sono dotate di DRS (sistema di riduzione della resistenza) che consente ai piloti della vettura di aprire uno sportello sull’ala posteriore che dà loro una maggiore velocità in rettilineo.

Mentre questo “vantaggio” ha aumentato i sorpassi, ha anche affrontato critiche per essere troppo artificiale e rendere a volte troppo facile per i piloti fare un sorpasso invece di lottare per andare avanti.

La F1 subirà un significativo riassetto tecnico il prossimo anno poiché le vetture diventeranno più lente e ridisegnate con l’obiettivo di renderle più facili da guidare ruota a ruota, riducendo l’impatto dell’aria sporca. Alcune figure all’interno del paddock, tuttavia, ritengono che le nuove auto potrebbero indurre la F1 ad eliminare il DRS in futuro.

Ma il due volte campione del mondo di F1 e attuale pilota alpino Alonso crede che la serie avrà ancora bisogno del DRS in futuro, anche con il cambiamento dei regolamenti.

In quanto contribuisce a migliorare lo spettacolo in pista.

“Non credo, penso che ne avremo sempre bisogno in Formula 1”, ha detto Alonso ad Autosport durante una visita alla sede di Miami di Motorsport Network prima del Gran Premio degli Stati Uniti.

“So che a volte fornisce sorpassi artificiali su circuiti diversi. Ma se guardiamo indietro, quando non avevamo il DRS, le gare erano molto più noiose. Era molto più difficile sorpassare. La Formula 1 non è come le altre categorie. Penso che in F1 tu stia sempre lottando per seguire abbastanza da vicino a causa della natura dell’aerodinamica e di quanto saranno sempre intelligenti tutte le squadre per fornire prestazioni. Quindi DRS sarà uno strumento utile, credo, anche per il futuro.”

Il 2022 segnerà un’altra generazione di auto di F1 con cui Alonso ha corso.

Dal suo debutto nel 2001, lo spagnolo ha corso con motori V10, V8 e V6, oltre a una serie di diverse regole aerodinamiche. Alla domanda su cosa fosse mancato nell’era del V6, Alonso ha ritenuto che la F1 avesse bisogno di “gare migliori e vincitori diversi”.

“Il dominio della Mercedes è stato brutale, nei primi tre o quattro anni del V6”, ha detto Alonso. “E poi, dal 2017, quando la Formula 1 ha introdotto la gomma più larga e le auto più grandi, penso che sia stato un passo indietro in termini di corse e di poter seguire le auto più da vicino.

Ci mancavano un paio di cose [rispetto al passato] e la F1 ha imparato da queste esperienze, e penso che avremo un campionato 2022 migliore”.

A proposito dell'autore

Post correlati

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: