La Honda è entrata e uscita dalla F1 numerose volte, con il suo primo coinvolgimento negli anni ’60 come costruttore (1964-1968) prima di ritirarsi e rientrare nello sport tra il 1983 e il 1992 come fornitore di motori per vari team come Spirit , Williams, Lotus e la più famosa McLaren con cui hanno dominato tra il 1988 e il 1991.

Hanno lasciato nuovamente la F1 alla fine del 1991 per riemergere come costruttori nel 2006 per tre anni (fino alla fine del 2008), quando si sono ritirati nuovamente a causa della crisi economica globale dell’epoca, come loro team principal all’epoca Ross Brawn rilevò la squadra e la ribattezzò Brawn GP per la stagione 2009 di F1, vincendo entrambi i titoli quell’anno, prima che Mercedes acquistasse la squadra dal 2010 in poi, ricostruendola nel colosso che ha dominato la F1 dall’inizio della l’era del turbo-ibrido nel 2014.

Ron Dennis della McLaren ha attirato la Honda di nuovo in F1 nel 2015, con entrambe le parti che speravano di ricreare il successo di cui avevano precedentemente goduto. Ma ciò non si è concretizzato poiché hanno trascorso tre stagioni sterili insieme, con una potenza Honda tristemente ridotta e inaffidabile. Dopodiché la Honda si è unita al campo della Red Bull nel 2018 con la Toro Rosso e poi la Red Bull nel 2019.

Il rapporto Red Bull-Honda è cresciuto sempre di più ed è culminato con il trionfo del titolo di Verstappen nel 2021.

Alla domanda sul sito ufficiale della F1 se fosse in programma un altro ritorno, Yamamoto ha dichiarato: “Personalmente spero e mi aspetto che la Honda torni in Formula 1. Dipende dal fatto che i giovani in Honda siano appassionati di sport motoristici e se riescono a convincere l’alta dirigenza a tornare. Ma la storia si ripete, quindi spero che possa succedere”.

“Anche se dovendo affrontare difficoltà logistiche, in parte dovute alla pandemia di Covid-19, in questo nostro ultimo stagione, abbiamo combattuto con rivali molto forti e siamo usciti in cima al mondo di Formula 1. Ciò è dovuto a tutto il duro lavoro di tutti i nostri ingegneri e meccanici, non solo di quelli in pista. Non si sono mai arresi, nemmeno nei momenti più difficili, e hanno fatto numerose scoperte tecnologiche lungo la strada.

“Siamo stati in grado di dimostrare la validità e l’efficacia della nostra tecnologia e le capacità della nostra forza lavoro”, ha proseguito. “Certo, non avremmo potuto raggiungere questi risultati senza il grande ruolo svolto dai nostri grandi partner, la Red Bull Racing con cui abbiamo vinto il titolo e anche la Scuderia AlphaTauri, che ci ha accolto con apertura mentale, permettendoci di andare avanti insieme dopo tre anni difficili.”

“Non dobbiamo dimenticare la McLaren, con la quale questa era è iniziata nel 2015 e tutti i piloti che hanno lavorato con noi, mettendo sempre il massimo impegno per ottenere i migliori risultati possibili”.

Il capo della Honda ha affermato che verso la fine del loro ultimo mandato in F1, il propulsore giapponese imbullonato alle vetture Red Bull e AlphaTauri F1, era “quasi uguale alla Mercedes”, cosa che la campagna di F1 2021 di Verstappen e Red Bull si è rivelata accurata.

“Possiamo dire che questo progetto è stato un successo poiché lasciamo lo sport dopo aver aiutato Max Verstappen a vincere il Campionato del mondo piloti”, ha concluso Yamamoto.

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: