I padroni del Circus iridato hanno presentato le loro linee guida per il 2021

Questa mattina in Bahrain, seconda tappa del mondiale 2018, i proprietari della Formula 1 statunitensi hanno rilasciato un comunicato stampato in cui sono state diramate le linee guida da seguire dal 2021 in poi.

I rappresentanti delle squadre hanno partecipato ad un incontro con Chase Carey che ha illustrato il suo progetto di fronte anche dei rappresentanti della FIA. Carey ha dichiarato che vorrà mantenere intatta la tradizione che da sempre abbraccia il mondiale di Formula 1, mettendo i fan al centro del mondo di cui sono appassionati. La sua idea è quella di creare un marchio  leader nel mondo dello sport.

Sono state fatte proposte su tutto ciò che riguarda il mondo della F1, dalla tecnica, ai ricavi e alla gestione dei costi. Questi sono i punti chiave:

1) Power Unit: La PUdovrà essere più economica, semplice, rumorosa e potente, riducendo allo stesso tempo la possibilità di incappare nelle penalità che i piloti scontano sulla griglia di partenza.
Dovrà restare collegata all’operato dell’industria automobilistica, confermando la scelta ibrida e consentendo ai costruttori di poter realizzare una loro PU una loro unità originale.
Le nuove regole relative alla PU devono essere in grado di allettare nuovi costruttori interessati all’ingresso in Formula 1, garantendo ai team clienti l’accesso alle stesse prestazioni delle squadre ufficiali.

2) Costi: I nuovi criteri di distribuzione dei ricavi dovranno essere più equilibrati, basati sulla meritocrazia e legati ai risultati.
Dovrà essere riconosciuto il valore storico delle squadre con maggiore anzianità di permanenza in F1.
I supporti economici saranno garantiti sia ai team che ai fornitori di motori.

3) Ricavi:  I nuovi criteri di distribuzione dei ricavi dovranno essere più equilibrati, basati sulla meritocrazia e legati ai risultati.
Dovrà essere riconosciuto il valore storico delle squadre con maggiore anzianità di permanenza in F1.
I supporti economici saranno garantiti sia ai team che ai fornitori di motori.

4) Regolamento sportivo e tecnico: Le monoposto dovranno essere il più possibile mirate alla competizione, aumentando le possibilità di sorpasso.
La tecnologia dovrà rimanere una pietra miliare, ma l’abilità del pilotadovrà essere il fattore predominante nella performance complessiva della monoposto.
Le monopostodovrannocomunque differenziarsi, mantenendo una loro identità sul fronte aerodinamico così come nelle prestazioni della power unit. Riteniamo che le aree non rilevanti per i fan debbano essere standardizzate.

5) Governance: Una struttura semplice e snella tra i team, insieme alla FIA e alla Formula 1 (Liberty Media).

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: