Lamborghini Miura rappresenta non solo una delle sportive più belle del XX secolo, ma è la capostipite di tutte le supercar moderne.

Guardate le foto, direste che è un’auto che ha più di 50 anni? Direi di no. Una linea moderna e attuale, ma non solo, ecco cosa rappresenta Lamborghini Miura nel mondo delle supercar.

Lamborghini Miura

Siamo agli inizi degli anni ‘60, appunto più di 50 anni fa. Ferruccio Lamborghini, il fondatore della casa del toro che allora si occupava di trattori, si lamentò della sua Ferrari 250 GTO con un certo Enzo Ferrari.  Dalle parti di Maranello e Modena, in quegli anni, si sapeva bene che l’orgoglio era spesso posto in prima fila, ben prima di altri valori. Fu così che ne nacque una lite e una sfida.

Ferruccio, accusato di costruire solo trattori, decise quindi di fondare la Lamborghini Automobili con il solo scopo di dimostrare al neo-rivale Enzo Ferrari, di essere all’altezza. Forse migliore.

Lamborghini Miura

Clicca qui e iscriviti al gruppo Facebbok ufficiale di newsf1 del mondo automotive!

Ed ecco che nacquero diversi modelli, in pochi anni fino al 1966, quando Lamborghini Miura venne presentata come una supercar inconsueta, strana, innovativa.

Innanzitutto partiamo dal motore. Per un auto stradale, era molto raro vederlo in posizione centrale, oltretutto montato trasversalmente. E fu così che il V12 – 3.9cc da ben 350 cv trovò posto tra l’assale posteriore e l’abitacolo.

Lamborghini Miura

La linea della Lamborghini Miura fu affidata ad uno che di supercar, negli anni avvenire, ne avrebbe sfornate diverse. Alla carrozzeria Bertone infatti lavorava un certo Marcello Gandini, padre non solo della Miura ma anche di Statos e Countach, giusto per citarne un paio.

La linea è un mix perfetto di eleganza e sportività. Molto bassa, poco più di un metro, 1100mm per la precisione. Le portiere hanno un unico semi-montante posteriormente che, se aperte entrambe, da davanti danno l’idea di un’auto con le corna, come un toro, per l’appunto.

In varie versioni, la P400, base, la P400S e la P400SV, vennero realizzati in totale 763 esemplari per poi lasciare spazio alla Countach nel 1974 dopo ben 7 anni di produzione.

Lamborghini Miura

Clicca qui e iscriviti al gruppo Facebbok ufficiale di newsf1 del mondo automotive!

In soli 3 anni, Lamborghini automobili fu in grado di mettere in discussione la fama già avviata di Ferrari.

Insomma, Lamborghini Miura rappresenta una delle più belle supercar non solo dell’epoca, ma di sempre. Il resto è storia.

A proposito dell'autore

Sono cresciuto a pane e Formula 1. Le auto sono la mia passione e scrivere articoli mi permette di condividerla con tutti voi. Twitter @ivan_morepower

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: