Kubica realista: “Non è stato facile dire no alla Ferrari”

Il pilota polacco, che quest’anno sarà pilota titolare in Williams, ha ammesso come non sia stato semplice rinunciare alla possibilità di andare in Ferrari come tester preferendo una sfida chiamata Williams.

Robert Kubica, durante le trattative in corso nella scorsa stagione, aveva avuto l’opportunità di approdare a Maranello sostituendo al simulatore, Antonio Giovinazzi e Daniil Kvyat, che saranno titolari, rispettivamente, in Sauber e Toro Rosso.

Kubica però ha deciso di rimanere nell’orbita Williams, dove dopo aver passato un anno come pilota di riserva, ora sarà alla guida del team inglese come titolare insieme al campione di F2 George Russell.

La scelta per il pilota polacco portava a due strade differenti:in Ferrari avrebbe avuto il ruolo di test driver, con il lavoro concentrato principalmente al simulatore mentre la Williams offriva la possibilità di essere un pilota titolare.

Quest’ultima è stata la scelta di Robert, la quale rappresenta una sfida per sé stesso, visto il ritorno in F1 dopo 8 anni, ma anche per la stessa scuderia inglese, vittima di un periodo buio.

Robert Kubica Williams

Alla domanda se la scelta di ritornare in gara da titolare fosse facile, dopo aver discusso con Ferrari per un ruolo al simulatore, Robert ha dichiarato:

“Sapevo cosa avrei voluto fare, ma a volte le cose sono un po ‘più complicate di quanto non appaiano dall’esterno.Ho avuto un’opportunità [Ferrari] che ritengo molto interessante e non è stato facile dire di no.Alla fine, sono un pilota da corsa, anche se non corro da molto tempo.Sono felice di aver preso questa decisione perché è una grande sfida.”

Kubica ha recentemente confermato una delle voci circolate da tanto tempo secondo cui il polacco, sarebbe diventato il compagno di squadra di Fernando Alonso in Ferrari nel 2012. A seguito del terribile incidente nel rally, nel 2011, dove Kubica subì ferite gravi, la sua carriera fu interrotta.

Con il ritorno in Williams, Robert darà inizio alla seconda fase della sua carriera, 9 anni dopo l’ultimo Gran premio corso ad Abu Dhabi nel 2010. Il pilota polacco si sente pronto ad intraprendere questa nuova sfida e a ricominciare da capo.

“Devi avere molta voglia di farlo perché ho attraversato questo 12 anni fa, e alla fine,è mi sono detto:”penso di avere l’energia per farlo di nuovo”.Non sono preoccupato o spaventato da questa sfida e penso di poterla fare funzionare.”Ho una grande opportunità ed è un lieto fine del lungo viaggio che ho passato.”

Infine, il 34enne polacco ha ammesso come il passaggio da pilota di sviluppo a pilota titolare necessiti di un po’ di lavoro e quindi un po’ di tempo per adattarsi.

“Quando guido l’auto devo tenere a mente che devo dare informazioni e feedback di qualità, e che sono in grado di offrire un buon passo e di non rischiare nulla”, ha detto Kubica, “Devo cambiare questo approccio un po’ perché ora devo lavorare di più per la squadra e anche per me stesso.Devo concentrarmi su cose diverse che potrebbero essere utili quando corro.Quindi è un approccio un po’ differente “.

Giuly Bellani

Giuly Bellani

Sono una ragazza appassionata di F1 e Motorsport.