Il programma per approvare tre week-end in cui inserire la nuova idea formulata questa stagione è stato respinto. Si resta alla qualifica classica.

Nella giornata di mercoledì, a Parigi è andato in scena l’incontro tra le squadre, la FIA e la Formula 1 per parlare dei regolamenti sportivi e tecnici che verranno introdotti nel 2020 e nel 2021. Dalle prime indiscrezioni parrebbe definitivamente scongiurata la possibilità di veder svolgere la tanto discussa gara di qualifica, un format che andrebbe a snaturare nettamente la storia di questo sport. L’idea era quella di inserire tre week-end tra quelli in calendario per testare questa soluzione, ed in caso di successo il progetto sarebbe stato esteso a tutto il mondiale per la stagione successiva. Le piste selezionate erano Paul Ricard, Spa e Sochi.

Il tutto è stato però bocciato in quanto non si è raggiunta l’unanimità tra le squadre chiamate al voto. Gli stessi team hanno reputato una vera e propria follia quello che poteva essere il nuovo format, che andiamo a ricordare: le nuove norme prevedevano lo svolgimento di una gara di qualifica al sabato con griglia di partenza invertita rispetto alla classifica del mondiale piloti. Il vincitore di questa mini-race sarebbe successivamente scattato in testa nella gara vera e propria della domenica, con buone possibilità di strappare un risultato positivo.

Tra le nuove idee degli statunitensi di Liberty Media c’è anche quella del Gran Premio di Miami. L’idea di correre in Florida non è nuova, in quanto se ne era discusso già lo scorso anno per poi abbandonare i propositi di costruire un tracciato. Sean Bratches Tom Garfinkel  ( presidente dei Miami Dolphins) hanno emesso una nota congiunta nel quale hanno reso noto un accordo per la disputa della gara, a quanto pare prevista per maggio 2021. La pista dovrebbe sorgere nei pressi dell’Hard Rock Stadium.

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: