Numerosi Team della Formula 1 hanno scritto alla FIA chiedendo chiarezza su alcuni aspetti aerodinamici della monoposto di Maranello.

Strano ma vero. Molti team della F1 hanno sporto formale richiesta di revisione alla FIA in quanto ritengono che la Ferrari stia traendo vantaggi dal punto di vista aerodinamico agevolando così il motore.

Le richieste sono arrivate dopo le recenti rivelazioni che attestano al motore Ferrari un vantaggio che arriva fino a 0.8 secondi.

Altro punto “strano” è come, dopo la pausa estiva, la Ferrari abbia piazzato cinque pole e vinto tre gran premi.

Un significativo upgrade a Singapore ha contribuito a contrastare il deficit di prestazioni in curva trasformando così il vantaggio di velocità in un vantaggio decisivo.

Una teoria riguarda l’intercooler della Ferrari e il modo in cui una perdita controllata può consentire a una piccola quantità di olio di entrare nel processo di combustione e produrre un aumento di potenza per un breve periodo di tempo.

L’uso di olio nell’intercooler, che Ferrari ritiene essere solo nell’utilizzo, è consentito dai regolamenti, sebbene le regole richiedano che tali sistemi “non debbano utilizzare intenzionalmente il calore latente di vaporizzazione di alcun fluido ad eccezione del carburante per lo scopo normale della combustione nel motore “.

Almeno uno dei rivali della Ferrari ritiene che questo potrebbe essere il motivo del suo vantaggio e ha cercato di chiarire se tale pratica sia consentita.

Altro nodo dolente è il sistema di recupero energetico della Ferrari, che ha anche attirato l’attenzione di un altro concorrente.

Tuttavia, i rivali della Ferrari affermano di non aver avuto risposte ai loro tentativi di ottenere chiarimenti.

La preferenza della FIA è che le squadre presentino una protesta, qualcosa a cui il presidente della FIA Jean Todt ha fatto riferimento l’anno scorso quando la Ferrari è stata esaminata dalla FIA tra punti interrogativi sul suo ERS e sull’uso della batteria.

Todt

“Continuiamo a monitorare tutti i parametri relativi alla conformità delle unità di potenza nel campionato mondiale di Formula 1 FIA ai regolamenti tecnici”.

Queste le parole della FIA che inoltre ha aggiunto

“non abbiamo ricevuto alcuna protesta da nessun concorrente in merito a qualsiasi progetto attuale”.

La mancanza di una risposta della FIA ha lasciato i rivali della Ferrari incerti su come procedere.

Parte della preoccupazione è anche dovuta alla morte shock di Charlie Whiting alla vigilia della stagione che ha costretto la FIA ad una ridistribuzione delle sue responsabilità ad ampio raggio.

Quando Whiting ha ricoperto la sua posizione di direttore di gara, le domande formali e informali erano un modo comune per chiarire la posizione delle scuderie e della federazione su potenziali aree grigie.

Ciò ha permesso di discutere apertamente e di risolvere le preoccupazioni senza la necessità di protestare.

I miglioramenti delle prestazioni della Ferrari non sono stati sufficienti per interrompere il dominio della Mercedes sull’era del motore turbo-ibrido V6, poiché la Mercedes ha conquistato il sesto titolo consecutivo in Giappone, ma è diventata il punto di riferimento delle prestazioni del motore.

In Russia, il caposquadra del team Ferrari Mattia Binotto ha affermato che il suo vantaggio sul motore non è “così grande” come alcuni pensano.

Il controllo sui progressi della Ferrari è iniziato sul serio l’anno scorso con un’indagine sul suo ERS.

Tuttavia, anche allora, alcuni elementi su come la FIA ha gestito questo processo hanno sollevato preoccupazioni.

Sembra dunque improbabile una protesta ufficiale contro gli elementi del design attuale della Ferrari.

Dovrebbe essere fatto durante un weekend del Gran Premio e probabilmente sarebbe contro la presunta non conformità di un’auto all’interno dei regolamenti.

Ciò è generalmente richiesto entro e non oltre trenta minuti dalla pubblicazione della classificazione provvisoria.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: