Charles Leclerc ha guidato la scuderia Ferrari F1 nelle fasi iniziali di questo 2022 verso la vetta di entrambe le classifiche, prima però di subire una battuta di arresto a causa dei suoi stessi errori (Imola e Francia) uniti ad errori di strategia (Ungheria, Monaco e Gran Bretagna) senza poi dimenticare i problemi di affidabilità della power unit Ferrari, che ha colpito in verità entrambi i piloti in diverse occasioni.

Jean Todt è diventato ormai il simbolo del successo tra i suoi indimenticabili anni in Ferrari con Michael Schumacher e la sua presidenza FIA negli ultimi anni. Come riportato dalla Gazzetta dello Sport Todt ha però sottolineato che a suo parere il monegasco, pur essendo un astro nascente è quasi certo futuro campione, ha ancora qualcosa che gli manca: 

jeanTodt

“Charles è già un grande Campione, ma gli manca ancora qualcosa, che spero avrà presto. A un certo punto la Ferrari aveva la migliore vettura del campionato di F1 . Poi hanno perso alcune opportunità, penso alla strategia, una safety car arrivata nel momento sbagliato, penso che problemi di affidabilità. Diversi episodi che hanno avuto un costo. Bisogna pensarci per evitare che si ripeta. Non lasciare mai nulla al caso e se ci riusciranno, avranno tutti gli ingredienti per essere campioni. Penso che tutti… beh, quasi tutti vorrebbero vedere la Ferrari vincere dei campionati, non solo alcune gare. Ma per vincere hanno bisogno dell’eccellenza a tutti i livelli. È difficile da raggiungere e ancora più difficile da mantenere. Si parte dall’eccellenza nel dettaglio. Da colui che risponde al telefono in azienda. Se un’azienda non risponde al telefono dopo dieci squilli, non è un buon affare. Non puoi commettere due errori identici, se succede qualcosa deve essere cambiato”, ha concluso Todt.

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: