Laurent Mekies, direttore delle corse del team di Maranello di Formula 1, ha parlato dei “suoi” piloti e di quanto rappresentino un giusto bilanciamento.

Un aspetto che Mekies riprende è il loro feedback. Questo è un punto di forza particolarmente per Sainz, che ha dimostrato nelle sue sei stagioni in F1 fino ad ora di essere un pilota intensamente analitico, qualcosa che è stato perfezionato attraverso le sue esperienze con Toro Rosso, Renault e McLaren prima di unirsi alla Ferrari lo scorso anno.

Sebbene Leclerc sia un tipo diverso di pilota, uno la cui abilità al volante significa che è straordinariamente abile nell’adattarsi alle caratteristiche dell’auto, il monegasco ha anche enormi sensibilità.

“Da quel lato, stiamo godendo di feedback di altissima qualità da parte loro”, ha affermato Mekies. “È uno dei nostri punti di forza, non solo perché sono bravi a descrivere ciò che provano, ma perché hanno la volontà e la motivazione per lavorare con noi per trovare soluzioni diverse.

“Usano parole diverse, quindi possiamo mettere insieme le cose. E non sempre sono d’accordo, il che ci incoraggia a guardare le cose in un modo più ampio. Il modo in cui Charles e Carlos si completano a vicenda è il massimo.”

Ma non è solo in termini di feedback tecnico che l’unione del duo funziona. Hanno anche modi molto diversi di estrarre il ritmo dall’auto e stili contrastanti.

Spesso, questo sarebbe considerato un punto debole dato il rischio che porta a strategie di impostazione e filosofie di sviluppo divergenti. Ma significa anche che ognuno di loro ha messo la macchina al limite in modi diversi, mostrando caratteristiche che altrimenti potrebbero essere nascoste.

“Assolutamente corretto”, ha detto Mekies quando The Race gli ha chiesto se avere stili di guida diversi aiuta anche la Ferrari. “Il fatto che guidino in un modo diverso, utilizzino le gomme in modo diverso, si trovino in un punto diverso della classifica ci aiuta enormemente nella nostra comprensione”.

Leclerc ha uno stile di guida più livewire, capace di convivere con un posteriore vivace e di mostrare un’enorme sensibilità per la trazione in particolare nelle uscite di curva più lente. Questo spesso si rivela prezioso verso la fine dei giri di qualifica, dove la sua capacità di massimizzare la trazione delle gomme surriscaldate può fargli guadagnare molto tempo.

Sainz ha ammesso l’anno scorso di essere rimasto scioccato dallo stile di guida estremo di Leclerc e ha trascorso gran parte della stagione cercando di ottenere guadagni nelle aree in cui il suo compagno di squadra era in vantaggio.

Questo forse ha avuto un ruolo nella serie di incidenti che Sainz ha avuto durante l’anno, il che è insolito per lui. Ma Sainz ha eccelso anche nelle curve veloci, così come nei momenti in cui le condizioni erano meno prevedibili, ad esempio nelle condizioni ventose in qualifica in Portogallo.

Sainz ha anche superato Leclerc quattro volte nelle ultime sei gare, dimostrando di aver fatto progressi sul ritmo del giro singolo anche se nel corso della stagione nel suo insieme è stato marginalmente il pilota Ferrari più lento.

“Non so se sono amici o meno, ma quello che posso dirti è che il livello di rispetto, il livello di desiderio di lavorare insieme, il livello sia come personaggi che per le loro capacità tecniche, è enorme.” ha concluso Mekies.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: