F1 – La FIA è sicura che nessun team abbia deliberatamente imbrogliato con i fondi flessibili nel 2022, ma ammette che esisteva la possibilità di usare qualche “trucco”.

Come ricorderete bene, la fase centrale dell’ultima stagione di F1 è stata caratterizzata dalla polemica sul porpoising e dall’impatto della direttiva tecnica, introdotta della FIA, per cercare di risolvere il problema.

In seguito al sospetto che i team utilizzassero alcuni trucchi per tenere le monoposto più vicine al suolo, la FIA ha rafforzato i controlli sui fondi e ha imposto una metrica di oscillazione aerodinamica per limitare i saltellamenti.

La Federazione era arrivata a sospettare che i team avessero montato dei pattini a scomparsa sotto le proprie vetture. Costruiti in modo da risalire all’interno della vettura al momento dell’impatto con il terreno per non usurarsi, avrebbero garantito il superamento dei controlli e delle misurazioni post-gara.

Nikolas Tombazis, direttore tecnico del settore monoposto per la FIA, ha dichiarato che i team non hanno mai cercato di aggirare deliberatamente il regolamento. Ciononostante le scappatoie erano presenti e le mosse attuate per modificare: misure dei pattini e irrigidire le regole rispetto il fondo erano proprio finalizzate al chiudere eventuali scappatoie.

“Si sa, le squadre tendono sempre a lavorare ai limiti del regolamento; non pensavamo che qualcuno stesse imbrogliando”, ha detto quando gli è stato chiesto fino a che punto le squadre si fossero spinte in mezzo alle scappatoie.

“Il modo in cui erano scritti i regolamenti consentiva, involontariamente, un po’ di trucchi. Per questo motivo abbiamo chiarito il regolamento tramite una direttiva tecnica e abbiamo apportato alcune modifiche”.

“Sono due le aree del regolamento in cui possiamo agire senza l’approvazione della F1 Commission: la rigidità e la sicurezza. Questo ci ha fornito lo spazio di manovra necessario per intervenire”.

La questione del porpoising è stata resa incredibilmente politica, perché i team che non ne soffrivano sostenevano che non fosse necessario l’intervento della FIA.

Dopo che la FIA ha minacciato di alzare i bordi del fondo di 25mm, per il prossimo anno, c’è anche stata la minaccia di una rivolta su larga scala. Alla fine è stato raggiunto un compromesso che prevede un innalzamento limitato a 15 mm.

Tombazis ha dichiarato che non è quasi mai facile avere a che fare con squadre che hanno interessi personali.

“È una situazione difficile: visto che alla fine qualcuno vincerà e qualcuno no, nel mondo della Formula 1 si è costantemente portati a presume che tutto, modifiche al regolamento comprese, vada a vantaggio di qualcuno e a svantaggio di qualcun altro.” ha detto.

“Ad eccezione di alcune cose come la sicurezza, su cui in generale la maggior parte dei team tende ad essere d’accordo, è molto difficile trovare una linea di pensiero comune su quasi tutto il resto. E io lo so bene, essendo stato dall’altra parte; team dimenticano sempre molto velocemente le cose di cui hanno beneficiato occasionalmente e ricordano sempre quelle che li hanno penalizzati”.

“Nella psicologia di una competizione è normale pensare sempre che qualcuno voglia fregarti, noi cerchiamo di essere il più possibile imparziali e non di non avvantaggiare mai una scuderia più dell’altra.”

Tombazis dichiara di essere abbastanza soddisfatto di come la FIA ha implementato il regolamento nel 2022, e ha aggiunto che avrebbe gradito un giro di vite in più da parte dell’organo di governo sui disegni dei bordi dei fondi.

“Probabilmente sarei stato un po’ più severo con i bordi del fondo”, ha detto. “Per il resto, non mi è sembrato un brutto lavoro”.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: