F1: Carlos Sainz per la prima volta in carriera ha vinto il Driver of the Day, votato a gran voce non solo dai fan italiani, ma da quelli internazionali. Grazie anche al nuovo motore, lo spagnolo, è riuscito ad effettuare una grandissima rimonta fino all’ottavo posto, ed è stato fermato solo dal problema al pit-stop. Nonostante il disagio, Sainz è riuscito a mantenere l’ottava piazza, riuscendo a segnare giri veloci su giri veloci che, per sua sfortuna, sono stati battuti solo dal vincitore del gran premio – Valtteri Bottas – nelle tornate finali del GP.
Grazie alla convincente prestazione dei due Ferraristi, il team di Maranello riesce ad accorciare le distanze dai rivali Inglesi, portandosi a sette punti e mezzo dalla McLaren.

F1, Sainz:È possibile che la sosta mi sia costata la posizione su Norris

Durante la consueta intervista post gara, Carlos Sainz ha dichiarato: “Tanti sorpassi belli, è vero. Li ho dovuti fare uno per uno, perché la partenza non è stata bellissima. Ero ancora diciannovesimo dopo la prima curva e ho dovuto spingere al massimo. A un certo punto superavo un pilota ogni giro e mi stavo divertendo tantissimo. Dopo la pista si è asciugata un po’ ed è stato più difficile. Dovevo gestire la gomma e l’aria sporca, era complicato uscire fuori traiettoria. Ma abbiamo mostrato un buon passo alla fine, ero molto veloce negli ultimi 10 giri e abbiamo potuto recuperare quello che avevamo perso al pit-stop. È possibile che la sosta mi sia costata la posizione su Norris. Gli sono finito dietro di tre secondi, eppure ho dovuto fare 10 giri dietro Ocon non potendolo superare. Tuttavia, oggi non è una giornata in cui possiamo lamentarci – dichiara il numero 55 – Il nuovo motore ci dà qualcosa in più e dimostra che stiamo lavorando, che non ci fermiamo. Abbiamo portato un aggiornamento a sette gare dalla fine, quando già tutti pensano all’anno prossimo, noi continuiamo a cercare qualcosa nel motore e nello sviluppo. Non vogliamo finire quarti e ottavi, vogliamo vincere. Oggi è stata una bella emozione perché stata la prima gara veramente all’attacco in Ferrari, mi sono divertito. Ne voglio di più così“.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: