Il pilota della Williams George Russell disputerà la sua seconda stagione in Formula 1 con il team britannico, ma per il futuro il sogno è l’arrivo a Brackley.

Nel 2019 ha debuttato in Formula 1 ed ora si appresta ad iniziare la sua seconda stagione nel Circus iridato ancora con il team Williams. Stiamo parlando ovviamente di George Russell, che nonostante sia rimasto l’unico pilota l’anno passato a chiudere a zero punti ha fatto vedere di avere le carte in regola per competere al tavolo dei grandi. Il pilota britannico ha dominato il campionato di Formula 2 nel 2018, per poi strappare un contratto con il team di Sir Frank anche grazie al suo forte legame con la Mercedes che fornisce i propulsori alla storica squadra inglese.

Russell è concentrato sulla prossima stagione, ma il sogno è ovviamente quello di raggiungere Brackley in futuro ed affiancare un Lewis Hamilton sempre più vicino ad un rinnovo biennale. La sfida aperta è con Valtteri Bottas e l’altro pupillo di Toto, ovvero Esteban Ocon che torna nel Circus nel 2020 al volante della Renault. Queste le dichiarazioni di George ad Auto Sport Web: ”Ogni pilota di Formula 1 sogna di diventare campione del mondo e ricerca continuamente qualcosa che lo avvicini a tale opportunità. Tutti coloro che venissero chiamati dalla Mercedes accetterebbero l’incarico, incluso me ovviamente. Loro dominano la F1 da tanti anni ormai. Attualmente però non voglio proiettarmi troppo nel futuro, perchè c’è il forte rischio di non concentrarsi sul lavoro attuale che si deve svolgere. Se un pilota fa quello che deve in maniera positiva sa che prima o poi le offerte arriverannno, da una parte o dall’altra. So quello che posso fare. Ho bisogno di massimizzare i miei punti di forza in ogni singola sessione dei week-end di gara”.

Ho molta fiducia nei miglioramenti del team Williams. Manca ancora molto tempo prima dei test invernali e stiamo ancora oggi portando delle novità sulla prossima monoposto che presenteremo ormai a breve. Il lavoro da fare è tanto ma la squadra sta andando nella direzione giusta e questo mi rende molto fiducioso per il 2020. A questo punto dell’anno mi sento di dire che siamo sulla buona strada, per cui non ci resta che aspettare il riscontro che darà la pista”.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: