La Red Bull risponde alle frecce nere nelle seconde libere del Paul Ricard con Verstappen, Bottas secondo ancora davanti ad Hamilton. Quarto un grande Alonso davanti alla Ferrari di Charles, ottavo Sainz.

Dopo una prima sessione di libere dominata dalle Mercedes, nel turno pomeridiano del Paul Ricard è arrivata prontamente la risposta di Max Verstappen e della Red Bull targata Honda. L’olandese ha condotto la RB16B in cima alla lista dei tempi girando in 1’32”872 con gomma Soft, tenendo dietro per 8 millesimi Valtteri Bottas. Il finlandese ha staccato questa performance nei primi minuti della sessione, confermando di essere particolarmente in forma qui in Francia. Ancora altalenante il rendimento di Lewis Hamilton, terzo in 1’33”125, ad oltre due decimi dal compagno di team.

Benissimo l’Alpine, che nel venerdì della gara di casa si è presa il quarto tempo tra le mani di un redivivo Fernando Alonso, staccato di meno di mezzo secondo dal battistrada. Migliora rispetto al mattino la Ferrari, quinta con Charles Leclerc ed ottava con Carlos Sainz. Il monegasco ha effettuato un lungo stint sulle Medie nella prima mezz’ora, riuscendo poi a risalire la china con le coperture più morbide. Il gap di 678 millesimi dalla vetta è pesante e non sembra far presagire una nuova pole position, anche se al sabato la rossa sembra sempre riuscire a trovare il colpaccio. Sesto Esteban Ocon davanti all’AlphaTauri di Pierre Gasly, con l’Alfa Romeo di Kimi Raikkonen e la McLaren di Lando Norris che chiudono la top ten.

Il buon lavoro del team elvetico è confermato da Antonio Giovinazzi, undicesimo seguito da Sergio Perez. La sessione del messicano non è stata semplice e non è riuscito a trovare il tempone, posizionandosi davanti a Yuki Tsunoda. Inizio in salita per l’Aston Martin che è quattordicesima con Sebastian Vettel, dietro a Daniel Ricciardo e seguito da Lance Stroll. In chiusura ci sono le solite Williams ed Haas. Alle 12 di domani le terze libere.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: