Pazzesco quanto accade nelle qualifiche di Istanbul con Stroll che regala la prima pole alla Racing Point battendo Verstappen e Perez. Sesto Hamilton mentre affondano Vettel e Leclerc.

Succede di tutto nelle qualifiche del Gran Premio di Turchia, dove la pole position è andata a quello che mai ci saremmo aspettati. A primeggiare è stata infatti la Racing Point di Lance Stroll, autore di un giro epico sul bagnato di Istanbul. Il team britannico ha optato per le Intermedie nel finale, girando in 1’47”765, con il quale ha battuto la Red Bull targata Honda di Max Verstappen. Per il canadese si tratta della prima pole in carriera, mettendo in mostra quelle qualità sul bagnato che aveva dimostrato in passato. L’olandese è il grande deluso di giornata, dopo aver dominato la prima parte di qualifica e le libere. Con le Full Wet, Super Max è apparso inattaccabile, mentre con le ”verdi” non ha fatto la differenza.

La Racing Point ha trovato un grip incredibile proprio nel momento buono, con Sergio Perez che ha staccato il terzo tempo davanti ad Alexander Albon. Queste due monoposto hanno fatto davvero la differenza, con la Renault di Daniel Ricciardo quinto ma staccato di oltre due secondi dal battistrada. Assenti ingiustificate le Mercedes, mai in lotta in queste qualifiche. La W11 perde anche l’imbattibilità in prova, con Lewis Hamilton sesto e Valtteri Bottas addirittura nono. Settimo Esteban Ocon, mentre Kimi Raikkonen è ottavo. Chiude la top ten Antonio Giovinazzi, a sottolineare un’eccellente qualifica dell’Alfa Romeo Racing. Disastrose le Ferrari visto che Sebastian Vettel è dodicesimo e Charles Leclerc addirittura quattordicesimo, restando escluse nella seconda fase. Le rosse sul bagnato sono davvero naufragate, dopo aver dimostrato un discreto passo nelle libere.

Il Q1 iniziano in condizioni proibitive, con molte squadre che optano per gomme Intermedie ed altri per le Full Wet. Le Ferrari rischiano tantissimo scegliendo le prime, ed infatti Leclerc a pochi minuti dal termine si trova sedicesimo, dietro a Verstappen. I tanti testacoda ed il peggioramento del diluvio spingono la direzione gara ad esporre la bandiera rossa, in attesa che riparta la qualifica. Dopo quaranta minuti di sosta si riparte, e tutti scelgono la mescola da bagnato estremo. Il monegasco commette un errore nel primo tentativo e si vede sacrificato l’attacco alla qualificazione, ma Romain Grosjean si insabbia e la sessione viene nuovamente sospesa. Charles alla fine riesce a passare il taglio, mentre Hamilton rischia tantissimo ed è quattordicesimo. Eliminate le Haas di Kevin Magnussen e Grosjean, le Williams di George Russell e Nicholas Latifi e l’AlphaTauri di Daniil Kvyat.

Nel Q2 le Ferrari soffrono enormemente, confermando le gravi carenze aerodinamiche. Solo le McLaren rischiano le Intermedie, mentre tutti gli altri tengono le gomme ”blu”. Entrambe le rosse vengono infatti eliminate, con Vettel dodicesimo e Leclerc quattordicesimo. Disastro anche per le McLaren con Lando Norris undicesimo e Carlos Sainz tredicesimo, mentre l’altra grande delusione viene da Pierre Gasly che chiude dietro al monegasco. Fantastici Raikkonen e Giovinazzi che accedono all’ultima fase per la prima volta in stagione. Alle 11:10 di domani la partenza della gara.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: