F1 – La Ferrari ci ha abituato negli anni a dilapidare colossali vantaggi o a non riuscire a mantenere un adeguato livello di consistenza durante tutto l’arco della stagione, nonostante le vetture potenzialmente vincenti sfornate da Maranello siano state innumerevoli.


Dopo un inizio di 2022 sfavillante, condito da due vittorie e una doppietta in sole tre gare, la F1-75 ha subito dapprima una notevole battuta d’arresto ritardando l’introduzione degli sviluppi, vedendosi di conseguenza sorpassare dalla Red Bull in quanto a competitività, per poi buttare completamente all’aria tre ‘comode’ vittorie (Barcellona e Monaco soprattutto) a causa di errori di strategia e problemi di affidabilità.


Quella stessa affidabilità che nelle prime gare della stagione sembrava poter essere il tallone d’Achille della RB18 di Adrian Newey, costretta a fare i conti con l’addio (certo, non definitivo) di Honda. Dopo i primi due ritiri stagionali, Max Verstappen è però ripartito alla grande proseguendo imperterrito la sua rimonta (ultimata ormai diverse gare fa) su Charles Leclerc, potendo sfruttare le enormi difficoltà della scuderia italiana.


Lo stesso Mattia Binotto, dopo l’ennesimo deludente risultato, si è detto piuttosto preoccupato riguardo l’affidabilità della F1-75 e del suo tanto acclamato motore superfast, sul quale ora inizia ad aleggiare più di qualche dubbio. Se consideriamo anche i team clienti di Ferrari, sono tanti i guasti occorsi in sole otto gare al propulsore di Maranello, senza dubbio estremamente potente, ma i cui limiti sono forse stati spinti un po’ troppo in là (forse per pareggiare l’incredibile velocità di punta che la RB18 riesce a sprigionare nei rettilinei?).

“Non sono sorpreso, piuttosto sono preoccupato e deluso perché queste sono cose che dobbiamo cercare di risolvere e non ci siamo ancora riusciti”, ha detto al termine del Gran Premio dell’Azerbaijan il Team Principal della Rossa.
“Non posso incolpare la squadra perché so quanto lavoro hanno svolto per superare il deficit di prestazioni da cui arrivavamo. Questo è un lungo viaggio, il lavoro non è finito ma ne verremo fuori. Preferisco avere delle buone prestazioni e dover correggere l’affidabilità”.
Quello che a tutti gli effetti è al momento il miglior pilota in griglia, Charles Leclerc, rischia di vedere scivolare via inesorabilmente il suo sogno iridato, a causa di fattori esterni coi quali il povero monegasco ha ben poco a che vedere.


Sei Pole position in otto gare e due secondi piazzamenti (uno dei quali arrivato per altro in condizioni totalmente anomale ad Imola e senza poter nemmeno tentare un vero giro da qualifica): sono numeri da campione del mondo, quelli di Leclerc, che prova a non abbattersi cercando di guardare al bicchiere mezzo pieno in casa Ferrari.


“Sono affamato e concentrato esattamente come lo ero cinque gare fa, ma dobbiamo fare uno step in avanti sul fronte dell’affidabilità”, queste le parole del monegasco in risposta a chi, maliziosamente, aveva sussurrato di un possibile calo di attenzione da parte del ferrarista a causa dei recenti eventi.
Riguardo la strada che ora Ferrari dovrà intraprendere per migliorare la propria affidabilità, si è espresso ancora Mattia Binotto:
“Non so quale sarà la strategia alla quale dovremo adattarci, se si tratta di un minor chilometraggio oppure di un diverso tipo di utilizzo. Si tratta comunque di un problema a rapida risoluzione. Avremo una risposta più chiara quando saremo in Canada.
“Abbiamo ancora molto lavoro da fare. C’è stata la partenza sbagliata di Charles, l’errore al pit stop, problemi di affidabilità. Dobbiamo concentrarci solo su noi stessi, senza guardare gli altri”.
Il gap in classifica che ora separa Leclerc dal leader Verstappen è di 34 punti. Un distacco colmabile, certo, ma per il quale la Ferrari dovrà lavorare sodo.
Il pilota da titolo c’è, la macchina anche. La speranza, ora, è che anche il team e l’affidabilità della stessa vettura possano raggiungere un livello di competitività adeguato per poter scalzare Verstappen dal trono iridato.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: