Ferrari F1 – Il clima che si respira a Maranello in questi giorni non è lo stesso di qualche settimana fa: la cocente delusione di Imola è ancora palpabile, e la crescita della Red Bull preoccupa non poco tifosi e addetti ai lavori della Rossa.

Bisogna però ricordare che la Ferrari è ancora saldamente in testa nella classifica costruttori di F1 e che il suo pilota di punta guida con più di una gara di vantaggio la classifica piloti. E se una gara storta può capitare a tutti, la bontà del progetto 2022 del Cavallino non è in discussione.

Fin dal suo esordio in pista, la F1-75 si è sempre dimostrata la vettura capace di generare il maggior quantitativo di carico aereodinamico, grazie alle sue incredibili e ricercate pance. Quelle pance capaci di distinguersi totalmente dal resto delle monoposto in griglia, in particolar modo rispetto alle tanto temute fiancate rastremate della W13 di casa Mercedes, al momento rivelatesi piuttosto fallimentari.

F1 Show and tell
F1 Ferrari F1-75 VS Mercedes W13


Il modello tedesco aveva fatto il suo esordio durante i test pre-stagionali in Bahrain tra un mare di polemiche, scatenando il caos all’interno del paddock. Alcune voci parlavano di una vettura capace di rifilare più di un secondo al giro ai suoi competitor e che avrebbe dovuto dunque dominare questa stagione. La pista, però, ha rivelato una realtà ben diversa da quella del simulatore. L’inatteso effetto porpoising ha scombussolato completamente i piani della Mercedes, relegandoli a combattere a centro gruppo con le meno quotate Haas, Alpine e McLaren.

La stessa Ferrari è stata colta impreparata dai saltellamenti delle vetture a effetto suolo, tanto che durante le prime gare dell’anno è stata costretta ad alzare l’altezza della vettura da terra per contrastarlo, potendo però contare, a differenza di Mercedes, sull’enorme quantità di carico generato dalle pance.
Tutti gli sforzi del team di Mattia Binotto sono al momento concentrati sulla ricerca di una soluzione permanente a questo problema, senza dover per forza di cose perdere in efficienza aereodinamica.
Secondo Auto Motor und Sport, la Scuderia starebbe al lavorando per portare già a Miami un fondo rivisto che permetta di ovviare alla questione porpoising, nella speranza di poter tornare a battagliare ad armi pari con una Red Bull che, almeno ad Imola, è sembrata avere una marcia in più.

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: