Analizziamo quanto accaduto nelle concitate fasi del pit stop. La Mercedes richiama Hamilton ai box gettando al vento le chanches di vittoria a Monza. I commissari lo penalizzeranno in quanto la pit lane era chiusa.

La stagione di Formula 1 2020 è risultata piuttosto scontata sin dall’Austria, dove la Mercedes aveva fatto capire il grado di superiorità rispetto ai propri avversari. Le W11 hanno fallito l’appuntamento col successo solo a Silverstone 2, a causa di un blistering troppo forte che ha favorito l’affermazione di Max Verstappen. Lewis Hamilton e la sua Mercedes viaggiavano tranquilli verso la vittoria anche a Monza, quando al ventesimo giro la Haas di Kevin Magnussen si è fermato a pochi metri dalla pit lane.

Il danese ha parcheggiato lì la propria vettura, portando la Safety car ad entrare in pista ed i commissari a chiudere la corsia dei box. Gli unici a fermarsi sono stati proprio Hamilton ed Antonio Giovinazzi con l’Alfa Romeo Racing, che pagheranno entrambi con uno stop and go di 10 secondi. Ma andiamo a vedere esattamente la comunicazione radio tra Lewis ed il suo ingegnere, Peter Bonnington.

Ingegnere: “Safety Car. Box, box”.
Hamilton: “Gomme dure, gomme dure”.
Ingegnere: “Ricevuto Lewis, è troppo tardi per cambiare. Andiamo sulle medieAh…stai fuori! La pit-lane dovrebbe essere chiusa”.

Si ferma Hamilton

Hamilton: “Non ho capito cosa avete detto prima”.
Ingegnere: “Era un messaggio dell’ultimo momento Lewis, l’ingresso pit-lane era chiuso”.
Hamilton: “Era chiuso?”.
Ingegnere: “Stiamo controllando quando il messaggio è uscito”.

 

Nell’immagine che potete osservare in alto, si vede chiaramente la luce rossa in uscita della Parabolica, che indica al pilota che l’ingresso pit lane è stato chiuso, esattamente come era stato chiarito nel briefing pre-gara con i commissari. Verrebbe proprio da dire che per una volta hanno sbagliato anche loro, scatenando la rabbia di Toto Wolff che durante la bandiera rossa si è recato al muretto per avere delle spiegazioni. La penalizzazione è sacrosanta, ed anche in casa Mercedes non lo hanno nascosto ammettendo l’errore. Al termine della corsa, Valtteri Bottas ha chiuso quinto ed Hamilton settimo in rimonta, portando a casa ottimi punti in ottica iridata.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: