F1 Ferrari in modalità FULL ATTACK a Barcellona!

“A Barcellona potremmo avere un pacchetto che sarà importante per noi”.
Così Mattia Binotto si è espresso ai microfoni di Sky Sport nel post gara del gran premio del Miami, anticipando delle importanti novità per la Rossa nella trasferta spagnola.
Le promesse sono state mantenute con la F1-75 che giova dei primi aggiornamenti aerodinamici, dopo essere rimasta inalterata dalla gara inaugurale in quel del Bahrein.

In Emilia Romagna e in Florida, la Ferrari non è mai stata inferiore in quanto a prestazioni complessive rispetto alla RedBull, come confermato dalla prima fila monopolizzata all’Hard Rock Stadium.
Nella prima fase di gara a Miami la F1-75 di Charles Leclerc ha manifestato un degrado gomme eccessivo sull’asse anteriore, complice anche una macchina a pieno carico di benzina e la presenza ingombrante negli specchietti dell’attuale campione del mondo Max Verstappen.
Con gli pneumatici duri, invece, il ritmo del monegasco è stato perfettamente in linea con quello evidenziato dalla Red Bull.
Ciò che è mancata, però, è stata la velocità sul dritto che ha impedito a Charles Leclerc di attaccare il campione del mondo, nonostante fosse riuscito a mantenersi sotto il secondo negli ultimi giri di gara, potendo quindi usufruire dei benefici del DRS.

Gli aggiornamenti sviluppati a Maranello per il weekend di Barcellona vanno quindi nella direzione di un miglior controllo del porpoising, con l’obiettivo di generare più carico aerodinamico dal fondo della vettura che, sulla carta, consentirebbe alla Rossa di avere una migliore gestione degli pneumatici in gara.
Parallelamente si cerca di colmare il gap di velocità nei confronti di Red Bull attraverso l’adozione di configurazioni alari più scariche.


Una nuova ala posteriore a massimo carico è la prima carta giocata dalla scuderia di Maranello, con un design rivisitato nella parte superiore ad andamento rettilineo per poter sfruttare al meglio la riduzione del drag durante l’attivazione del DRS.
Nella sottoscocca posteriore, invece, il diffusore è nuovo con una rampa centrale molto più ristretta che va così ad allargare le due sezioni di uscita dei canali Venturi Laterali.

Immagine


Si tratta di una versione molto simile a quella già testata nelle prove libere del gran premio dell’Australia.
Anche il fondo della vettura è stato notevolmente semplificato rispetto alla versione provata durante i test in Bahrein, evoluitasi fino alla configurazione con l’intaglio longitudinale sùbito davanti il rientro antistante le ruote posteriori.
Tale intaglio, infatti, costituiva una configurazione passeggera per limitare il porpoising che, riducendo la superficie sfruttabile, limitava la generazione del carico aerodinamico del fondo.

Immagine


Nella specifica di Barcellona gli interventi al diffusore e in generale su tutta l’aerodinamica posteriore, dovrebbero consentire un miglior controllo del rimbalzo aerodinamico, permettendo di ritornare ad una configurazione del fondo più pulita utile a generare carico.
Dopo la prima sessione di prove libere svoltasi alle ore 14.00, sono giunti riscontri sul fatto che entrambi i piloti Ferrari avessero il nuovo fondo ma che, solo sulla monoposto di Carlos Sainz, si sia scelto di montare la nuova ala posteriore.
Scelta strategicamente corretta da parte della Ferrari con l’obiettivo di effettuare delle prove comparative.
L’appuntamento è quindi alle ore 17.00 per la seconda sessione di prove libere, per valutare se gli aggiornamenti daranno gli esiti previsti in modo da poter essere confermati nelle prossime gare.

A proposito dell'autore

Laureando in Ingegneria Informatica presso il Politecnico di Torino e SimRacer professionista presso L'Official Fan Club di David Tonizza. Pazzo per il MotorSport, ciò che più mi fa battere il cuore!

Post correlati

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: