Nel pomeriggio rovente di Silverstone spicca una grande Ferrari, che piazza in prima fila Vettel e in seconda Raikkonen, entrambi a meno di un decimo dalla “sudata” pole di Lewis Hamilton.

Sebastian Vettel lo aveva detto ieri pomeriggio dopo le libere: voglio spezzare la magia tra la Mercedes e il circuito di Silverstone.

Fino a metà Q3 sembrava potersi avverare il desiderio del pilota della Ferrari, visto che nel primo tentativo era riuscito a scavalcare Hamilton  ma nel secondo tentativo,per 44 millesimi non si è compiuta la profezia del pilota tedesco, che con qualche acciacco (vedasi qualche dolore al collo già presente a fine FP3) è riuscito comunque a mettere il fiato sul collo alla Mercedes numero 44.

Anche Raikkonen, l’ultimo dei “big” a terminare l’ultimo tentativo in Q3, è riuscito ad avvicinare a meno di un decimo la prestazione del pilota britannico: due frecce “rosse” quindi attaccheranno fin dalla partenza, andando a ricreare i fatidico attacco a due punte, arma usata da Mercedes nelle precedenti gara (vedasi Francia).

Ferrari che ha confermato le impressioni viste ieri, dove con questo caldo insolito a Silverstone si sono viste le qualità di trazione e di stabilità in curva che caratterizzano la SF71H. Silverstone, alla vigilia, era sembrato il weekend più ostico per la Rossa, visto che negli ultimi anni non ha sorriso molto ai tifosi e per l’impiego delle gomme ribassate. Invece la scuderia di Maranello ha smentito tutti, rivelandosi complessivamente la monoposto più competitiva sul tracciato inglese. Tutto ciò confermato dai tre intermedi dove è servito il giro perfetto di “The Hammer” Hamilton per riuscire a spezzare il dominio delle due rosse oggi.

Domani si vedrà la griglia di partenza con l’ennesima fila targata Hamilton-Vettel. Il passo gara di ieri aveva confermato la grande capacità di gestione gomme della Ferrari, sopratutto con la gomma Soft con cui i primi 10 della griglia partiranno. Sarà quindi una gara “infuocata”, non solo per le temperature…

Vettel:”A pochi millesimi dalla pole nonostante il dolore al collo”

Il pilota della Ferrari, considerando il dolore al collo che lo ha tormentato sin dalle FP3 di questa mattina, ha fatto sicuramente un grande risultato tanto da essersi pregustato la pole position fino a 5 minuti dal termine del Q3. Un giro perfetto di Hamilton non ha permesso al tedesco di artigliare la sua quinta pole stagionale ma è consapevole che tra le mani ha una vettura che in questo weekend ha messo le ali…

Mi è mancato… quasi mezzo decimo. Il distacco è così piccolo che il giro è stato praticamente lo stesso.Onestamente sono stato abbastanza contento del primo tentativo nella Q3, pensavo di poter fare qualcosa di più nel terzo settore, in alcuni punti della pista, e credevo che avrei fatto meglio nel secondo tentativo. Al contrario, ho perso qualcosa in rettilineo, non saprei esattamente perché“.

Vettel ammette che il rivale Lewis Hamilton ha saputo fare un lavoro migliore del suo, anche se si parla di dettagli minimi, visto il distacco quasi nullo. Le ottime performance odierne, secondo il tedesco, sono di buono auspicio per la gara di domani.

I due giri sono stati pressoché identici, mezzo decimo si può sempre discutere, si può sempre trovare un punto dove puoi guadagnarlo. Lewis è stato un po’ migliore di me nell’ultimo tentativo, ma domani dovremmo andare bene“.

La condizione non al 100% al top del pilota tedesco, visto il fastidioso problema al collo (pare causato dallo sbalzo caldo freddo) ha influito in qualche modo, come confermato dalle parole di Maurizio Arrivabene nel team radio dopo le qualifiche (“Non ti preoccupare con il dolore che avevi sei stato un grande”).

Seb sulla questione non ha avuto molto da dire ma spera di poter essere al top della forma per domani, nella battaglia con Hamilton per la vittoria.

Non so cosa sia successo, ma si è un po irrigidito. Non sono preoccupato per la gara, perché la velocità sarà inferiore rispetto alle qualifiche. Sono fiducioso di poter essere più veloce domani, di solito la gara è un po’ meglio per noi“.

 

Raikkonen: “Pole ad un soffio ma abbiamo il passo per fare bene domani”

Il pilota finlandese si piazza in terza posizione a soli 98 millesimi dalla pole di Lewis Hamilton. Visto il distacco cosi risicato, Kimi non può dirsi molto contento visto che alla fine sono stati piccolissimi dettagli a fare la differenza e il finnico, oggi, qualche piccola imperfezione l’ha avuta.

Nell’ultimo tentativo in Q3 Raikkonen aveva realizzato il un T1 record facendo presagire che avrebbe potuto impensierire il giro pole in mano a Hamilton ma poi nei due restanti settori ha lasciato “qualcosina” per strada accontentandosi della terza posizione.

“Non sono proprio soddisfatto, oggi avevo tutti gli strumenti per andare più veloce. Ho fatto un bloccaggio alla Curva 16 nell’ultimo giro e ho perso lì il tempo che mi ha impedito di essere in pole”. Credo che il primo e l’ultimo settore siano stati buoni, in quello centrale ho fatto un piccolo errore alla curva 7 nel primo tentativo, quindi nel secondo sono stato più tranquillo e preciso – ha spiegato il finlandese – Probabilmente avrei potuto guadagnare in alcuni punti, oggi non ci sono riuscito, ma siamo tutti vicinissimi e in questa posizione domani possiamo lottare per un bel risultato”.

Con ormai la qualifica alle spalle è ora di pensare alla gara di domani e il fattore fondamentale sarà la gestione delle gomme con il grande caldo: sul fattore gestione la Ferrari a dimostrato di avere le carte in regola per puntare al bottino grosso. Kimi confida proprio nel grande passo della sua SF71H.

“L’auto va bene, non sarà certamente facile con il caldo gestire bene le gomme e questa penso sarà la chiave. Vediamo come andrà, siamo comunque in una buona posizione” ha concluso Iceman.

Giuly Bellani

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: