Non solo lavoro al simulatore per il terzo pilota Ferrari, che ad ogni GP supporta il team nel Paddock: Antonio tornerà al volante di una monoposto di Formula 1 con il team Haas. 

Sono stati appena comunicati i GP in cui vedremo Antonio Giovinazzi tornare in pista e riassaggiare il brivido della Formula 1.

Dopo l’occasione con la Sauber nei due Gran Premi inaugurali a causa del l’infortunio di Pascal Wehrlein, e dopo le intere giornate al simulatore di Maranello, il pilota di Martina Franca indosserà nuovamente il casco per scendere in pista, questa volta con una monoposto ancor più competitiva, la Haas.

Antonio prenderà parte alle prime sessioni di prove libere già dal 14 Luglio a Silverstone, e tornerà sulla VF-17 in Ungheria, nel suo circuito di casa, Monza, a Sepang per il GP di Malesia, è ancora nel GP di Messico, Brasile e Abu Dhabi.

Giovinazzi prenderà pieno possesso in tutte le occasioni della monoposto di Kevin Magnussen, tranne in Messico, dove sarà Romain Grosjean a guardarlo dal box.

“È un anno di grandi opportunità, sono grato alla Haas e alla Scuderia Ferrari per la fiducia che ripongono in me.” Queste le parole dell’italiano sul sito ufficiale del team Haas, scuderia a stretto contatto con Ferrari, grazie alla fornitura dei motori.

“Ha dato grande mostra di se nel karting e in GP2 (ora Formula 2), ha avuto una bella opportunità in Sauber e ora avrà la possibilità di crescere ancora.” Queste le parole di Gunter Steiner, team principal della scuderia americana.

Antonio ha segnato un buon 12º posto a Melbourne, mentre il week end cinese è stato negativo per lui, con due crash molto simili su là rettilineo di partenza in qualifica e in gara. Ha fatto un buon lavoro invece a bordo della SF70-H in occasione dei test e queste saranno altre opportunità per Giovinazzi per migliorare; opportunità che potrebbero diventare qualcosa di più.

 

Credits: Haasf1team.com

di Marika Laselva 

Twitter: @MarikaLaselva

 

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: