Formula 1Notizie F1Video Formula 1

Formula 1- Presentazione delle monoposto, autenticità e varietà

Con la fine anticipata della stagione di Formula 1 del 2022, considerando che la battaglia per entrambi i campionati si è conclusa molto prima dell’ultima gara, quello che stiamo passando è l’inverno più lungo che i fan abbiano dovuto passare senza la massima Formula del motorsport.

Febbraio 2023, tuttavia, segna la fine di questo periodo di arsura, con le squadre intente a flettere i muscoli e presentare il frutto del loro lavoro di ricerca e design; nelle prossime due settimane, mentre i riflettori si accenderanno sulle creazioni dei team -ma più probabilmente, sulle sole livree – , alcuni punti dovranno essere guardati con particolare attenzione, provamo ad esaminarne alcuni nei prossimi paragrafi.

Autenticità: come è noto, i team custodiscono gelosamente le caratteristiche dei loro progetti fino a quando non è possibile fare altrimenti, per evitare che le prorie soluzioni tecniche finiscano per essere di spunto per il miglioramento di altri.
Nel 2022, complice la rivoluzione dei regolamenti, l’orribile mock up presentato dalla FIA è stato utilizzato dalle squadre per presentare le sole livree, lasciando alla pista il compito di giudicare la forma e le prestazioni delle auto; nonostate il regolamento tecnico sia stato mantenuto relativamente stabile nel 2023, è possibile che la storia si ripeta, e che la maggioranza delle squadre punti a nascondersi il più possibile, rendendo le presentazioni un mero esercizio di stile

Varietà: quella del 2022 si è mostrata come una stagione densa di novità e di interpretazioni differenti. I tre team maggiori si sono presentati in pista con soluzioni radicalmente opposte, nello sforzo di interpretare la nuova stagione delle vetture a effetto suolo; e dal momento che l’esperienza in questo particolare campo della progettazione mancava dalla Formula 1 da circa trent’anni, abbiamo potuto osservare differenze interpretative fondamentali, soprattutto nella scelta delle superfici da cui ottenere il carico aerodinamico.
Nel prosieguo della stagione, tuttavia, le difficoltà di Mercedes e il progressivo sgonfiarsi delle prestazioni della Ferrari hanno lasciato via lbera alla creazione di Adrain Newey, confermatosi ancora una volta genio del design.
Aston Martin ha subito imboccato la via tracciata dal genio inglese, assisteremo forse ad una decina di monoposto variamente clonate dalla RB18?

Anche nell’ultima puntata di Formula 1 Garage i nostri ingegneri delusi dalla presentazione della nuova Red Bull RB19 hanno detto la loro … guarda il video e iscriviti subito al nostro canale youtube

Lascia un commento