Kimi Raikkonen ha lasciato il Giappone con 10 punti ed una prestazione condizionata dal contatto con la Red Bull di Max Verstappen. Nelle prime battute del Gp di Suzuka, Raikkonen ha provato il sorpasso all’ultima chicane su Verstappen, che però gli ha chiuso ogni spiraglio, accompagnandolo fuori pista e danneggiando la Ferrari del finlandese.

Verstappen avrebbe dovuto lasciar spazio alla Ferrari n.7 dopo il bloccaggio e il seguente taglio della chicane. La direzione gara ha punito, infatti, Max Verstappen con 5 secondi di penalità per la manovra pericolosa. Una decisione che ha scatenato l’ira dell’olandese e il solito piagnisteo via radio.

Raikkonen ha scagionato parzialmente Verstappen, dichiarando che il colpo ricevuto dall’olandese nelle primissime fasi del Gp di Suzuka non era voluto.

Pur essendo la parte lesa, Raikkonen crede nella buona fede di Verstappen: “Nella situazione in cui ero con lui, è un po’ difficile da dire, perché a volte quando rientri passando sui cordoli è impossibile far girare la macchina mentre rimbalzi su di loro – ha affermato Kimi – se fossimo stati affiancati in pista, non credo che avrebbe voluto stringermi, perché tutti sappiamo cosa succederebbe. Siamo finiti in una situazione strana, non credo che lui abbia cercato di colpirmi, ma è quello che è successo”.

Max Verstappen RedBull

Punti di vista opposti tra Vettel e Raikkonen

In casa Ferrari c’è confusione, persino nei giudizi sugli episodi del Gp. Sebastian Vettel ha giudicato la condotta di gara di Verstappen inaccettabile. “Non appena Max si accorge che qualcuno gli sia vicino o affiancato prova a spingere – ha affermato Seb – anche quando non si dovrebbe più spingere”.

Guardate l’episodio con Kimi. Max era fuori dal tracciato e rientra. Se Kimi avesse fatto la chicane normalmente avrebbero avuto un incidente. Non è sempre giusto che l’altro si debba muovere. Tutti noi corriamo, non c’è solo Max in pista” ha chiosato Vettel.

L’irruenza di Max Verstappen è nota e questo rende ogni sorpasso un pericoloso rischio per il pilota che prova ad avvicinare l’olandese.
A differenza del tedesco della Ferrari, Kimi Raikkonen non ha responsabilizzato l’olandese di una condotta di gara disonesta.
Kimi Raikkonen ha dichiarato: “Ho provato ad andare all’esterno e a lasciare quanto più spazio possibile, ma lui è rientrato in pista dalla parte dove c’erano erba e il cordolo. Forse non è riuscito a girare di più ed è solo finito lì. In un mondo ideale, avrebbe dovuto lasciare un po’ più di spazio“.

A proposito dell'autore

I believe that everyone has a calling, motorsport is my true passion! Addicted to Formula 1 🏆 Formula E ⚡️ Automotive 🖊️ FIA Accredited. Follow me: Twitter | Linkedin

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: