Strepitosa prova di forza della Ferrari e soprattutto di Sebastian Vettel, che, sul circuito cittadino di Singapore ottiene una favolosa pole-position in 1’39”491 (la 49° in carriera), facendo segnare anche il nuovo record della pista, giunta al suo decimo appuntamento nel campionato del mondo di Formula 1. Il tedesco precede di poco più di tre decimi sia la Red Bull di Max Verstappen, che fino all’ultimo ha creduto di poter centrare la sua prima pole in carriera, sia quella di Daniel Ricciardo.

 

Più staccato l’altro ferrarista Kimi Raikkonen, complice anche una piccola sbavatura all’ultimo tentativo, proprio quando il campione del mondo 2007 si stava migliorando, facendo segnare ottimi tempi che avrebbero potuto proiettare la vettura numero 7 anche in prima fila.

La Mercedes, al momento terza forza sul circuito di Marina Bay, non va oltre la quinta e sesta posizione, con Hamilton che regola il compagno di squadra Bottas. Chiudono la Top Ten Hulkenberg, le due McLaren di Alonso e Vandoorne, estremamente a proprio agio su questo tracciato, e Sainz. Risultato estremamente positivo per Sebastian Vettel sia perché le ultime nove gare sono state vinte per sette volte da chi partiva dalla prima posizione, segno di come ottenere la pole position sia fondamentale su questo circuito, sia perché il rivale numero uno per il titolo mondiale, Lewis Hamilton, parte, non solo dalla quinta posizione, bensì dietro le due Red Bull, che nella giornata del venerdì si sono dimostrate molto competitive nella simulazione passo gara. Fondamentale sarà quindi il ruolo della scuderia austriaca in questa parte finale del campionato.

 

Da evidenziare, come ancora una volta, la Ferrari sia la scuderia che incrementa maggiormente le proprie prestazioni dal venerdì al sabato: molto incolore la prima giornata, con entrambi i piloti che lamentavano problemi al bilanciamento della vettura e nel riscaldamento delle gomme anteriori, perfetta quella di oggi, con una SF70H perfettamente equilibrata e precisa. Il primo passo è stato fatto, ma quello più importante dovrà essere compiuto domani in gara, che si prospetta molto lunga e complessa, con una Red Bull che con molta aggressività cercherà in tuti i modi di trionfare, consapevole che su questa pista ha tutte le possibilità per farlo, e con un Lewis Hamilton, che farà di tutto per limitare i danni.

 

Francesco Saverio Falco