Già ieri 18 Ottobre abbiamo parlato della Vittoria della Scuderia Baldini nel Campionato Italiano GT3, oggi vi presentiamo una Race Analysis dell’ultima parte della gara, quella che ha consentito a Stefano Gattuso di aggiudicarsi il Titolo. Partiamo da un presupposto, Matteo Malucelli nel 1° stint è stato molto veloce e molto bravo a tenere la posizione e restare attaccato ai primi, era importante consegnare a Gattuso una vettura ancora competitiva e che avesse poco GAP da chi era davanti a questo scopo se andiamo a rilevare i tempi di Malucelli ci rendiamo conto di quanto abbia fatto; in tutto il suo stint segna sul cronometro tempi di 1:48 medio e alto tenendosi così vicino alle posizioni di vertice; è nei giri 12 e 13 che avverte un problema alla vettura tanto che il timing si alza a 1:51.521 (giro 12) e 1:51.137 (giro 13) è in quel momento che entrando ai box comunica che secondo lui c’è la ruota posteriore destra che sta perdendo carico probabilmente per una foratura; anzi al giro 13 doveva rientrare ed innesca preoccupazione all’interno della squadra il mancato rientro, la motivazione era quella di dare dati certi sul problema che aveva la vettura, non si sarebbero potute infatti sostituire tutte le gomme, per regolamento si deve cambiare quella difettosa o lesionata. A quel punto, siamo alla tornata n. 15 Stefano Gattuso sale in vettura e si ritrova al 9° posto, alcune altre vetture si devono ancora fermare e quando tutti hanno compiuto i cambi la reale posizione della macchina n. 27 è la 7° piazza risale poi al 16° giro in 5° posizione e comincia a girare e dare la caccia ai suoi avversari più diretti per la conquista del Campionato, parliamo della vettura n. 88 ( Ferrari 458 di Villorba Corse condotta da Berton) e della n. 54 (Lamborghini di Imperiale Racing condotta da Venturini) ecco uno schema dei tempi dal giro 17 al giro 26

gt_tialiano_analisi_baldini

Alla tornata n. 19 Gattuso supera Venturini e poi al giro 22 infila Berton portandosi così in 1° posizione. Inoltre ottiene il proprio giro veloce  nella tornata n. 21 col tempo di 1:48.480 mentre i suoi 2 avversari presi in considerazione lo ottengono nel 1° stint, segno che la strategia seguita dalla Squadra e messa in pratica dai due Driver è stata lungimirante; quello che si voleva, in una giornata con 13° di temperatura asfalto e discretamente umida, era un assetto e una condotta di gara che potesse sfruttare le gomme nel 2° stint, quando c’era da attaccare e portare a casa il risultato; a questo proposito eravamo nel box mentre si cambiavano alcuni parametri dell’assetto sulla macchina n 27 in mattinata. Insomma una Vittoria ben costruita per un Team che ha tecnica, tenacia e molta esperienza avendo vinto il Titolo anche nel 2014. E poi uno Stefano Gattuso in versione ‘Mastino’ come in tutta la stagione anche se dopo gara 1 la tensione sul suo volto era palpabile e quella nel box si poteva tagliare con un coltello. Ecco un’intervista a Stefano dopo la Gara e dopo la decisione dei Commissari che hanno omologato il risultato: “E’ andata bene sono ovviamente contentissimo è stato un finale entusiasmante bello fino alla fine, abbiamo vinto il Campionato con dei bellissimi sorpassi tutti corretti, quindi direi che miglior finale non poteva esserci, ringrazio tutto il Team Baldini per l’ottimo lavoro che han fatto tutto l’anno, ringrazio Lorenzo Casè per la prima parte della stagione con cui abbiamo fatto delle bellissime gare ringrazio anche Matteo Malucelli per gli ultimi appuntamenti nei quali abbiamo condiviso la macchina” Domanda: cosa è accaduto alla gomma posteriore? Gattuso:”la gomma destra (posteriore n.d.r.) stava perdendo pressione e lì è stato bravissimo Matteo (Malucelli n.d.r.) ad accorgersi del problema ed infatti dal controllo delle pressioni i tecnici hanno constatato che la gomma era quasi a terra, l’abbiamo sostituita e questo ci ha permesso di andare a vincere il Campionato perché senza quella sostituzione la gomma sarebbe durata 2-3 giri al massimo. Insomma bisogna dare un grande merito a Matteo per aver capito cosa stava succedendo”.

Marco Asfalto

A proposito dell'autore

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: