C’è grande confusione sull’attuale regolamento tecnico di F1, facciamo chiarezza sul regolamento attuale 2020 e 2021, cosa può essere modificato ?

Da qualche anno a questa parte, Fia sta cercando di ridurre i costi limitando prima i test e poi lo sviluppo delle vetture. L’introduzione di un numero contingentato di motori, cambi, componenti varie, eliminazione dei test privati e contingentamento delle ore di galleria del vento hanno portato ad un regolamento che, definire cervellotico, è un eufemismo. Per di più, la crisi attuale ha portato ad ulteriori tentativi di tirare la cinghia, congelando alcuni componenti.

Bisogna innanzitutto fare una importantissima precisazione: le date specificate non riguardano la “comparsa” in pista degli elementi, ma la data di consegna degli schemi tecnici alla FIA. Ad esempio, Ferrari potrebbe aver già preparato un nuovo musetto, ma non è detto che debutterà in pista quest’anno.

Ci sono due date di omologazione, che coinvolgono tutto il 2020 ed il 2021. Con tutta la variabilità di regolamenti e di scenari economici, tralascerò l’anno 2022. Chi volesse aggiornare un elemento, potrà farlo solo spendendo dei “gettoni”. Ogni team ha 2 gettoni e, essendoci elementi che da soli valgono 2 gettoni, è facile capire quanto le modifiche siano limitate. Non scenderò nel dettaglio dei singoli componenti in quanto sarebbe praticamente impossibile rendere comprensibile il tutto:

Elementi da omologare ad inizio 2020.
Questi componenti sono quelli che vengono considerati congelati da inizio stagione, poichè la data è antecedente alla prima gara. Tra parentisi sono indicati i gettoni necessari per l’aggiornamento del componente.

Regolamento F1

Strutture di sicurezza:
Telaio (2)
Zona anteriore del fondo (1)
Crashbox posteriore (2)
Pedali e componenti nella scocca (1 per ogni componente)

Trasmissione:
Scatola cambio (2)
Frizione (1)
Sensori coppia (1)
Componenti del cambio eccetto i rapporti (2)
Attuatori di cambio marcia (2)
Componenti ausiliari (1)

Sospensioni:
Assi, cuscinetti, dadi e sistemi di ritenzione (1 per elemento)
Cerchioni (1, specifica unica per il 2021)
Sensori pressione (1)

Freni:
Pinze freno (1)
Sistema controllo freno posteriore, master cylinder (1)

Carburante:
Collettori, pompe, condotti,serbatoio,altri componenti (1 per elemento)

Sistema idraulico:
Pompa e accumulatore, sensori di controllo e collettore (1 per elemento)

Sistemi motore:
Serbatoio dell’olio ausiliario (1)

Olio e sistema di raffreddamento:
Radiatori acqua-olio o acqua-acqua (2)

Hardware elettrico:
Radio (2)

Equipaggiamento di sicurezza:
Estintore (1)

Componenti vari
Sistema di abbeveraggio pilota (1)

Una seconda data molto importante è quella del 20 settembre, che segna il congelamento di molti altri componenti.

 

F1 Alfa Romeo

Strutture di sicurezza:
Crashbox anteriore (2)

Componenti aerodinamici:
Assieme plank (tavola sotto scocca) (1)
Attuatore DRS (1)

Sospensioni:
Sospensioni entrobordo anteriori (2)
Sospensioni entrobordo posteriori (2)

Freni:
Dischi freno, campana freno e assieme pasticche (1)
Sistema controllo freno posteriore, master cylinder (1)

Hardware elettrico:
Collegamenti elettrici (2)
Componenti di log (1 ciascuno)
Componenti elettrici ed elettronici (1 ciascuno)

Equipaggiamento di pista:
Equipaggiamento pit stop (1)

FORMULA1

Bisogna tenere in considerazione che tutti gli elementi che riguardano il setup (molle,ammortizzatori) sono liberi, e che per il DRS sono previste configurazioni aggiuntive per le piste che lo richiedono (Spa, Monza). Inoltre tutte le modifiche secondarie, come fori, rinforzi, aggiustamenti per la modifica di un componente continuo, sono liberi ma soggetti a valutazione della FIA

Per quanto riguarda il crashbox, cioè il musetto, va fatto un importante distinguo: la struttura di assorbimento è congelata, ma non eventuali carenature aerodinamiche; se sotto il musetto largo Ferrari si nascondesse un muso stretto e carenato, non sarebbe necessario spendere gettoni dopo il 20 settembre (cosa comunque improbabile)

Al di là di queste tabelle tecniche, cosa si evince dal regolamento?

Le modifiche aerodinamiche sono sostanzialmente libere, ogni pista può vedere aggiornamenti e modifiche e se Ferrari decide di non portarne nessuna, è per scelta strategica e non per motivi regolamentari.
Il team del Cavallino potrebbe anche aver pronta una nuova vettura per il 2021, sfruttando i gettoni (probabilmente sulla PU) con una nuova aerodinamica, ma questo lo sapremo solo alla fine di questo tribolato campionato

Articolo by Ing.  @WernerJrQuevedo

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: