Che Mercedes sarebbe stata la macchina da battere, non è mai stato in discussione. Che Mercedes avrebbe dimostrato di avere, con tempi e risultati, un pacchetto tecnico-aerodinamico sopraffino, nemmeno. Nel weekend di Montecarlo, tuttavia, è uscita la cosiddetta bomba: le sospensioni anteriori Mercedes con l’ormai famoso bracket. Allo stesso modo del buco della BrawnGP nel lontano 2009, o gli scarichi soffianti dell’era RedBull, o come numerosi esempi nella storia della F1, spesso un’idea vincente può fare la differenza. Quindi la vera domanda diventa: è questo il vero segreto della stra-potenza Mercedes? La risposta non può che essere “no”, o meglio “non proprio”. La W10 è una vettura con molti segreti e con molte idee vincenti. Questo tipo di sospensioni è solo una di quelle numerose soluzioni geniali che sono state portate in pista dopo ore di studio e simulazioni. Andiamo a vedere come funziona.

Il braccetto superiore del triangolo anteriore, generalmente, si ancora al mozzo ruota. I tecnici di Brackley hanno ben pensato di aggiungere un piccolo componente, una giuntura, a forma di arco e della dimensione di pochi cm, che si unisce anche al puntone della sospensione. Un piccolo pezzo che tuttavia ha un effetto enorme sull’assetto della vettura. In curva infatti, considerando tutte le incognite date dalle accelerazioni laterali, la sospensione lavora per correggere l’assetto della vettura. Ricordate le famose sospensioni attive che mantenevano la vettura nella miglior posizione possibile rispetto all’asfalto, all’inizio degli anni novanta? L’obiettivo è pressoché lo stesso, mantenere un assetto migliore in curva per aumentare la velocità di percorrenza.

Le conseguenze concrete di questa sospensione si traducono sostanzialmente in due effetti principali:il primo è l’angolo di camber che evolve in funzione dell’angolo di sterzo e della velocità, il secondo è un forte abbassamento dell’ala anteriore vicino all’asfalto, effetto già riprodotto da RedBull nel lontano 2011 con le sue ali flessibili.

Queste due conseguenze permettono rispettivamente di far lavorare meglio la gomma, soprattutto per quanto riguarda le temperature e la famosa finestra di funzionamento, e di avere un picco di carico quando serve, sempre in curva. Ecco come Lewis e Valtteri riescono ad avere una vettura estremamente agile, precisa, veloce e stabile in curva, soprattutto in quelle lente e strette.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da FORMULA HYPERSOFT NEWS™ | 39K (@formula_hypersoft_news) in data:

Chiudo con un piccolissimo punto di domanda che non ha ancora trovato una spiegazione nella mia testa. Perchè a Ferrari, nel 2017, fu vietata una soluzione praticamente identica di sospensioni? Non a caso, nell’edizione del GP di Montecarlo di quell’anno, Vettel vinse la gara davanti a Raikkonen dopo aver monopolizzato la prima fila anche in qualifica.

A proposito dell'autore

Sono cresciuto a pane e Formula 1. Le auto sono la mia passione e scrivere articoli mi permette di condividerla con tutti voi. Twitter @ivan_morepower

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: