INTRODUZIONE

Dopo il breve articolo teorico sugli aspetti più negativi che influiscono sulle performance delle vetture, prosegue l’analisi delle caratteristiche delle nuove Formula 1 2021.

Questo perché anche per quanto riguarda tale genere di dispositivi aerodinamici, i condotti di raffreddamento, ci sono grandi novità per la gestione dei flussi attorno alle pance laterali delle nuove macchine.

Se, come visto nell’articolo teorico al seguente LINK, la corrente fluida percepiva un grande ostacolo incontrando il canale di raffreddamento completamente ortogonale al suo percorso, con il nuovo regolamento FORMULA 1 2021 non sarà più cosi.

La presa, si veda l’immagine precedente, assume una inclinazione che le permette di seguire la naturale evoluzione della forma delle pance laterali.

Una presa inclinata, seppur rappresentando un ostacolo per la corrente fluida, permette una via di uscita al flusso che la raggiunge e che può defluire sul lato esterno.

 

BENEFICI DELLE NUOVE PRESE D’ARIA

In questo senso, la traiettoria che le molecole descrivono per aggirare l’elemento è più distesa. Immagine precedente.

Tradotto in termini più semplici, tutte le particelle di aria che incontrano l’elemento in questione, non urtano violentemente addensandosi notevolmente davanti alle componenti della macchina. Ciò si traduce in minore pressione sulle parti anteriori del veicolo, che subisce certamente una resistenza all’avanzamento minore.

PERCHÉ’ CAMBIA IL REGOLAMENTO FORMULA 1 2021

L’efficienza, in generale, guadagna punti. Non solo: nel tentativo di reindirizzare il flusso verso il retrotreno, oggi è molto facile generare turbolenze. Queste sono dannose per le superfici deportanti posteriori e per la scia che subiscono gli avversari. In futuro, il regolamento Formula 1 2o21 prevederà un flusso meno stressato, non arrecherà più danno a chi insegue.

Questo viene svolto da parte della FIA tenendo sempre a mente l’obiettivo di maggiore spettacolo in pista. Una soluzione di questo tipo garantirà sicuramente un cambio di tendenza. Ovviamente non finisce qui, e tante novità sono visibili anche al posteriore: argomento che verrà sviscerato dai prossimi appuntamenti di tecnica.

A voi il video dei primi test: LINK

A presto, dall’ing. Alberto Aimar

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: