Diamo un voto a chi si è contraddistinto in positivo (e in negativo) sul tracciato di F1 a Sochi, al termine di un GP di Russia strano ma non poco avvincente.

Lewis Hamilton: voto 10

La Mercedes non è bollita ma nemmeno ha più il vantaggio su Ferrari. Una qualifica d’autore la sua, per mettersi dietro almeno Vettel. In gara, inutile a dirsi, non appena fai un errore lui è li come un cannibale ad approfittarne. Nella giornata in cui le Ferrari dovevano risollevarsi definitivamente, lui mette la firma su una vittoria che sa tanto di Mondiale (come se già non fosse chiaro). Fortunato nel GP di Russia (ma sempre il numero 1).

Classifica Piloti e Costruttori

Charles Leclerc: voto 10

Un dato: è stato l’unico a scendere sotto l’1’32” in qualifica, per ben due volte e nemmeno di poco. In partenza fa un lavoro eccellente: mantiene la posizione, da scia a Vettel, segue gli ordini di squadra. Perde la vittoria per una volontà divina avversa, perde poi la seconda posizione per tentare la soft e la prestazione, ma ormai la gara era già persa. Sfortunato.

Sebastian Vettel: voto 10

Qualifica ottima a pochi millesimi da Hamilton, in gara parte a razzo e si prende la leadership, martella giri veloci senza fine, al cambio gomme completa il gioco di strategia studiato a tavolino. Poi? Zeus lancia una saetta sulla sua unità ibrida e tanti cari saluti ai sogni di doppietta. Lui tanto per chiarire la ritrovata serenità post-Singapore, chiede pacatamente in diretta mondiale il ritorno ai V12. Molto sfortunato.

Sebastian Vettel

Alexander Albon: voto 9

Nella giornata in cui le Toro Rosso navigano a vista e il compagno Max non è proprio lucente, lui brilla come se avesse un reattore nucleare dentro di se. Parte dalla pit-lane e arriva quinto, costante come un orologio svizzero. Ripaga dell’errore in qualifica e (per il momento) evita la furia di Marko. Reattivo.

Valtteri Bottas: voto 8

Una qualifica poco esaltante, si libera velocemente del gruppo degli altri e si mette spalle larghe a proteggere Lewis. Copione già visto tante volte, anche se qui ci aspettavamo di più. Gregario.

Carlos Sainz: voto 8

Bravissimo in qualifica, altrettanto al via. Fa una gara nella terra di mezzo: lontano dalle bagarre e le ruotate del gruppone di quelli dietro, ma lontano anche da quelli davanti che hanno un altro passo. Il ritorno ai motori Mercedes nel 2021 basterà a cucire il gap? Caldo.

Max Verstappen: voto 7

Fa il compito, ha studiato e si vede. Ma il Max che conosciamo è tutta un altra pasta. Sicuri che la Spec-4 della Honda sia così prestazionale?

Kimi Raikkonen: voto 4

Dov’è Kimi? Per favore se lo incontrate dalle parti di casa sua, gli dite che è da un paio di GP che non si fa vedere? Progressi o regressi Alfa a parte ma torna Kimi, torna!

Daniel Ricciardo: voto 4

Non si vede e non si sente in questo weekend, tranne che nelle simpaticissime interviste. La Renault non è un fulmine di guerra, fa una qualifica nella normalità e termina subito la gara per un contatto. Daniel merita di più di questo e la Renault anche.

Regia internazionale: voto 5

Ha l’innata capacità di riuscire a far perdere i momenti salienti dei GP e di cambiare le inquadrature esattamente quando non deve. Specialmente quando si tratta di dover inquadrare l’idolo di casa fare un sorpasso (per la 12esima posizione). Ci può stare, non se c’è altro da vedere.

Circuito di Sochi: voto 5

Costruire un circuito da F1 e farlo con delle vie di fuga da kartodromo: non ci lamentiamo se succede che per il minimo problema la SC entra in pista.

Team Radio Vettel: voto 10 e lode

“Ridatemi i ………… V12”

A proposito dell'autore

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: