La Red Bull si appresta ad intraprendere l’imminente Gran Premio di F1 dell’Azerbaijan da grande favorita, principalmente a causa dell’infinito rettilineo presente sulla pista di Baku, sul quale la RB18 potrà dare sfogo alla propria velocità massima, di gran lunga superiore a quella della Ferrari.
Red Bull che però, secondo Helmut Marko, ha ancora davanti a sé un grandissimo potenziale di sviluppo, specialmente per quanto riguarda il peso della vettura, ancora troppo alto.

F1 Red Bull Marko
F1 Red Bull Marko


“Guadagneremo qualche decimo quando riusciremo a raggiungere il nostro obiettivo, cioè limare cinque chili dal peso della vettura”, queste le parole del super consulente della scuderia austriaca.
“Ferrari è già arrivata al limite, mentre Mercedes è nella nostra stessa situazione. Purtroppo a Montecarlo il nostro vero potenziale non si è visto, ma nelle prossime piste come Montreal e Baku saremo di gran lunga più competitivi grazie ai numerosi rettilinei presenti. Non credo comunque che ci saranno grossi margini di distacco tra noi e gli altri.


“Quello del dimagrimento è un processo che richiede tempo, ad oggi l’aspetto positivo è che una volta fatto questo guadagneremo qualche decimo. Ci mancano cinque chili? Diciamo che non è del tutto falso…”


Mercedes riesce a piazzare giri velocissimi ogni tanto in gara e in qualifica. Il nostro timore è che il potenziale ci sia e nel momento in cui riusciranno a sbloccarlo e a metterlo in pista con costanza saranno lì davanti a battagliare per la vittoria.
“A Monaco Max faticava costantemente in curva 1, e quando finalmente in qualifica ci è riuscito è uscita la bandiera rossa. Non sarebbe comunque riuscito a eguagliare il tempo di Leclerc, ma sarebbe stato certamente in prima fila. Durante l’anno vedremo ancora piste in cui Ferrari sarà più competitiva di noi, ma fortunatamente in due piste come Monaco e Barcellona nelle quali la Ferrari era la più forte siamo riusciti a vincere grazie ad alcune circostanze. Siamo felici di questo. Per le prossime gare saremo più competitivi, sarà fondamentale trovare subito l’assetto ottimale e una buona gestione delle gomme.”
Parole che lasciano ben poco tempo alle interpretazioni, quelle di Marko, ansioso di vedere cosa la RB18 sarà in grado di fare sui tracciati di Azerbaijan e Canada.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: