Il team principal della Ferrari, Mattia Binotto, afferma che l’auto del 2022 è stata progettata attraverso uno sforzo deliberato all’interno del team di ingegneri del team per “pensare fuori dagli schemi”.

Dopo una fallimentare stagione come quella del 2020 in cui la squadra di Maranello è crollata al sesto posto nel campionato costruttori – la peggior posizione finale della Ferrari per 40 anni – la situazione è decisamente migliorata in modo significativo nel 2021 con la conquista del terzo posto dietro Mercedes e Red Bull.

Guardando indietro a una stagione che ha fruttato due pole position e cinque podi, Binotto afferma che il recupero della Ferrari ha fornito la prova della loro capacità di recupero sia per se stessi che per i loro rivali.

“Per noi era più importante come squadra dimostrare prima a noi stessi che siamo in grado di affrontare i principali punti deboli e migliorare il prodotto stesso, migliorando le nostre prestazioni e colmando il divario con i migliori team”, ha affermato Binotto.

“Ciò che è stato fatto nel 2021 crea una solida base per il futuro”.

Dopo la delusione del 2020, la Ferrari ha praticamente raddoppiato la media punti per gara da 7,7 nel 2020 a 14,7 in questa stagione. Binotto afferma che il team ha raggiunto i suoi tre obiettivi principali che si era prefissato per il 2021.

“Il primo è stato cercare di colmare il divario con i migliori team”, ha spiegato. “Sapevamo che sarebbe stato molto difficile perché alcune delle [auto] del 2021 sarebbero state un’auto del 2020 con il minor numero di modifiche possibile. Solo due gettoni, alcune restrizioni anche sui regolamenti aeronautici a causa dell’occupazione della galleria del vento che era piuttosto limitata. Ma sicuramente, nei nostri obiettivi, era importante cercare di colmare il gap con i top team”.

La Ferrari, ha spiegato Binotto, aveva dimezzato il distacco medio di 1,3 secondi nelle sessioni di qualifica dalla Mercedes nella stagione 2020 a sei decimi di secondo nel 2021.

“Il secondo obiettivo – qualcosa che ho sempre menzionato – era cercare di migliorare in tutte le aree nel 2020”, ha spiegato. “Soprattutto in pista, che per me è preparazione e gestione della gara”.

L’obiettivo finale che la Ferrari aveva raggiunto, ha continuato Binotto, era guardare al futuro. Costruendo una “solida base” per il team da cui partire con la sua unità di potenza rivista.

“In primo luogo, sono le persone, quindi lo spirito di squadra”, ha detto Binotto. “Il secondo è lo sviluppo delle power unit ibride. Sapevamo che, venendo dal 2020, la situazione in termini di velocità e distacco dai migliori in termini di potenza era molto difficile. Quindi sicuramente spingere e sviluppare l’ibrido è stato qualcosa di importante”.

Binotto afferma che la Ferrari ha stabilito quattro pilastri della sua cultura di squadra per aiutare a raggiungere il suo “obiettivo finale” di un campionato del mondo:

innovazione, considerare gli errori come opportunità, un senso collettivo di responsabilità e spirito di squadra.

“Stiamo lavorando molto ora da Monza, più di un anno fa, di nuovo a Maranello, per cercare davvero di migliorare non solo lo spirito di squadra, ma quella che definirei la nostra cultura”, dice Binotto. “E abbiamo fatto, mesi fa, un importante laboratorio di lavoro di squadra per cercare di scoprire quali erano i comportamenti che erano importanti per diventare migliori in futuro”.

L’auto Ferrari del 2022 è stata progettata attraverso uno sforzo deliberato all’interno del team di ingegneri del team per “pensare fuori dagli schemi”.

“Penso che il modo in cui l’intero team di ingegneri ha affrontato il nuovo design, il nuovo progetto, i regolamenti 2022 – che erano una grande discontinuità – sia stato sicuramente con una mente più aperta rispetto a prima”.

Indicando l’esempio del Gran Premio di Francia, dove problemi di granulosità delle gomme hanno visto cadere sia Charles Leclerc che Carlos Sainz Jnr, Binotto afferma che la seconda area dell’attenzione del team per il futuro era come rispondere agli errori.

“Penso che il miglior esempio di questa stagione sia quello che tutti voi conoscete: la gestione delle gomme e i problemi che abbiamo avuto al Paul Ricard.

Penso che siamo arrivati ​​lì forse non del tutto preparati per quanto riguarda le gomme. Sapendo che sarebbe stata una gara difficile per noi per questo aspetto.

“Penso che da allora, in termini di preparazione alla gara, ci siamo impegnati molto per cercare di imparare da quell’errore. E penso che la squadra, in questo, non abbia colpe all’interno. Penso che anche Carlos ne abbia parlato, che sia rimasto impressionato nel vedere come la squadra ha reagito al problema. Ma per me è stata ancora una volta una buona opportunità per dimostrare che il nostro spirito, la nostra cultura, il nostro approccio agli errori oggi sono sicuramente diversi.”

Gli ultimi due elementi fondamentali della nuova cultura Ferrari, secondo Binotto, sono il senso condiviso di responsabilità collettiva e lo spirito di squadra.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: