Il leader del mondiale si è lamentato della piccola finestra di utilizzo che gli impedisce di andare al massimo

Lewis Hamilton è tornato in pieno controllo del mondiale, dopo una bella lotta con Valtteri Bottas nelle prime quattro gare. Dopo Baku, il campione del mondo ha dominato a Barcellona, per poi far sua anche Monaco portando a 17 i punti di vantaggio sul compagno di squadra, vera rivelazione degli appuntamenti iniziali. Hamilton sembra ora in totale controllo della situazione, con Vettel e Verstappen che accusano oltre una cinquantina di lunghezze, una vera e propria eternità.

Lewis è famoso anche per essere uno che si lamenta spesso, sia in macchina con i propri ingegneri via radio che davanti ai microfoni. Il britannico infatti non si sente ancora in totale sintonia con la dominante W10, lasciando intendere che il potenziale da estrarre è ancora tanto: ”Fino ad oggi ho fatto delle gare normali. A volte leggermente meglio. Ho dato molto ed ho portato a casa dei bei risultati, ma ancora non ho sfruttato al meglio le capacità di questa macchina. Sto un pò faticando a farlo”.

Il fattore determinante secondo lo stesso Hamilton sono le gomme, diventate ormai un fattore nella Formula 1 moderna: ”Andando avanti con le gare conosceremo meglio la macchina, soprattutto le gomme. Nel 2019 la finestra di utilizzo è più piccola degli altri anni ed è quasi impossibile trovare il picco di prestazione. Non ho dubbi che le cose miglioreranno già a breve. Spero ci vorrà poco tempo, ma io sto lavorando moltissimo con la squadra per minimizzare queste difficoltà. Può succedere sia in Canada che tra dieci gare, ma alla fine lo risolveremo”.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: