Red Bull e Ferrari vogliono che i capi della Formula 1 discutano su come dovrebbero essere contabilizzati i danni da incidente. Ora entrambe le squadre devono affrontare grandi costi di riparazione e penalità in griglia a causa di incidenti causati da altri piloti.

Il Gran Premio d’Ungheria è stata una vera e propria “gara di bowling” come ha sostenuto il pilota della Ferrari Charles Leclerc. Tutto nasce da un errore di Bottas e da lì sei piloti termineranno in anticipo il proprio Gran Premio. Ciò che n’è conseguito dopo sono ancora enormi danni economici. Per il monegasco, infatti, dovrà essere cambiata la PU, la terza quest’anno, consapevoli che non potrà arrivare a fine stagione e che quindi ne servirà una quarta e il regolamento vuole che scatterà una penalità a quel punto.

Anche la Red Bull non sorride. Dopo i danni alla Red Bull di Max Verstappen nel Gran Premio di Gran Bretagna dopo la l’incidente con Hamilton che ha visto spendere $1,8 milioni, in Ungheria entrambe le monoposto hanno subito danni in una collisione alla prima curva con più auto causata questa volta da Valtteri Bottas.

Dopo ogni gara, il capo del team Red Bull Christian Horner si è lamentato della tensione che mette la squadra in condizioni finanziarie. L’argomento di Horner è che la Red Bull, avendo già perso terreno serio in campionato con entrambi gli incidenti, deve anche sostenere un onere finanziario che ha un colpo sull’impatto sul resto della sua spesa, dato che i team ora hanno un limite di $145 milioni.

“È estremamente frustrante sotto il tetto dei costi”, ha detto Horner in Ungheria. “Quando si viene coinvolti in un incidente se ne pagano le conseguenze. È qualcosa che, però, non è stato preventivato ed è qualcosa che penso debba essere esaminato in maggiore dettaglio da la FIA”.

La preoccupazione su come riaggiustare i budget sulla scia di danni imprevisti e costi di riparazione è un sentimento che la Mercedes aveva condiviso all’inizio di quest’anno quando Bottas ha subito un grosso shunt a Imola.

Quello, però, fu considerato un incidente di gara tra lui e il pilota della Williams George Russell. Ma nei casi della Red Bull, Hamilton è stato nominato principalmente responsabile a Silverstone e ha ricevuto una penalità di 10 secondi mentre a Bottas è stata assegnata la piena responsabilità all’Hungaroring con cinque posizioni di penalità sulla griglia per la prossima gara.

La Ferrari concorda in linea di principio sul fatto che le squadre non dovrebbero soffrire finanziariamente a causa dei danni causati da incidenti causati dagli avversari.

Martedì la scuderia ha rivelato che il motore di Charles Leclerc ha subito un danno terminale quando la sua Ferrari è stata colpita dall’Aston Martin di Lance Stroll alla prima curva in Ungheria, rendendo quasi inevitabile una penalità in griglia alla fine dell’anno.

Tuttavia, il team principal Mattia Binotto ritiene che non si tratti di creare un’esenzione dal budget cap. Invece, la sua proposta è che le squadre i cui piloti sono responsabili del contatto con un’altra vettura dovrebbero essere responsabili di raccogliere il conto.

“C’è valore per le discussioni nel prossimo futuro con gli altri team principal, FIA e F1”, ha affermato Binotto. “Ovviamente se non sei colpevole, avere un tale danno nel budget cap è ancora più una conseguenza ora. Penso che quello che possiamo considerare è che se un pilota ha la colpa, la squadra del pilota dovrebbe pagare almeno alle altre squadre per i danni e le riparazioni. Ciò renderà i conducenti più responsabili”. Ha aggiunto.

Red Bull e Ferrari hanno opinioni diverse su come realizzare il loro desiderio comune. Red Bull sembra essere più favorevole a non dover tenere conto dei danni da incidente inflitti da un rivale nel limite di costo. La Ferrari pensa che le esenzioni sarebbero disordinate e sostiene la squadra il cui pilota è responsabile dell’incidente che copre il conto della riparazione.

Quale sarebbe, allora la soluzione più ovvia? Con l’incidente in Ungheria abbiamo assistito probabilmente ad un cambio di rotta per il mondiale quasi definitivo. A fine stagione ricorderemo che, qualora vincesse la Mercedes, è stato proprio un loro pilota a rivoluzionare il tutto con un mossa evitabile e punita, secondo alcuni, con molta leggerezza?

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: