Al termine della gara di F1, Mattia Binotto si è fermato ai microfoni di Sky Sport F1 per commentare la splendida doppietta della Scuderia Ferrari .
“Sono contento, è un bellissimo risultato di squadra. Non ho mai dubitato di questa squadra, magari qualcuno l’ha fatto. Abbiamo lavorato duramente, e abbiamo lavorato in maniera unita. Ci siamo compattati dopo le difficoltà del 2020.
“Non chiedetemi più se firmo per il secondo posto [ride]. Sono molto contento. Adesso andremo in Arabia Saudita tra una settimana, vedremo come si comporterà lì la macchina. Poi io sto già pensando a Imola…
“Sapevamo di avere due vetture e di avere Max in mezzo. L’obiettivo era quello di non far vincere lui. Poco importava chi vincesse dei nostri. Carlos è stato aggressivo alla ripartenza cercando di prendere il DRS.
“Bellissimi pit stop oggi. Si sono allenati tantissimo i ragazzi, già da aprile dell’anno scorso. Prima di Natale avevamo già provato più di 1300 pit stop. Questo significa avere grande dedizione per la squadra. Sono contento per tutti, anche per quelli a Maranello. Abbiamo voglia di lottare su ogni metro di ogni gara e oggi Charles è stato l’esempio perfetto. Il nostro motto “essere Ferrari” ci identifica. Rappresenta tutta la nostra passione, tutto ciò che c’è dietro questi risultati e rappresenta anche tutta l’Italia.
“Quanto successo oggi spero possa dare fiducia e morale alla gente dopo questo periodo difficile. Sono davvero contento e orgoglioso di tutta la squadra, di quello che abbiamo costruito insieme ai nostri ragazzi. Questa è una squadra forte in tutti suoi elementi. Ho sempre avuto fiducia in loro. Abbiamo anche tanti ragazzi stranieri. Sono davvero tanto orgoglioso di tutti.”
Ecco, invece, le parole del grande sconfitto di oggi, Max Verstappen. Dopo aver perso il corpo a corpo con Leclerc e aver inseguito il monegasco per tutta la gara, il campione del mondo in carica è stato tradito dalla sua stessa vettura per un problema di affidabilità.
“Sono deluso, nello scenario peggiore possibile avremmo potuto chiudere secondi.
“Sono stati una serie di problemi che andavano aumentando di giro in giro. In un campionato è importante fare punti, anche quando hai un weekend negativo. Perderne così tanti con entrambe le macchine è grave.
Riguardo quanto successo al suo compagno, invece, ha detto:
“No, non ho ancora analizzato quanto successo a Checo col team. Sono molto deluso.”
“È molto frustrante,” ha detto invece Christian Horner, visibilmente deluso per quanto accaduto al termine del Gran Premio.
“Congratulazioni alla Ferrari. Loro erano un po’ più veloci, ma noi eravamo in lotta per la vittoria. Due ritiri sono un risultato tremendo, ma finché non smontiamo la macchina non sapremo cosa è successo. Crediamo che sia un problema del sistema del carburante, non della power unit. Probabilmente sono sintomi uguali di entrambi i problemi. Forse è il collettore.
“Charles aveva due decimi più di noi nel secondo settore. Max ha fatto una grande gara, è stata divertente. Ora le auto si possono seguire da più vicino. La Formula 1 ha bisogno di gare come quella di oggi, divertenti, a patto che noi riusciamo a finire le gare però…”

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: