F1 – Le caratteristiche e l’assetto delle vetture Ferrari e Red Bull sono state notevolmente diverse durante la fase di apertura della stagione.

La Red Bull ha optato per una configurazione di carico aerodinamico/resistenza inferiore per la sua RB18, che le ha dato un vantaggio con velocità massima sul dritto e nelle curve piatte.

La Ferrari F1-75 ha corso con più carico aerodinamico e resistenza, il che le ha permesso di eccellere nelle curve a bassa/media velocità, così come in accelerazione e nelle zone di trazione.

Tuttavia, la divergenza tra le due vetture non è stata così netta a Miami lo scorso fine settimana, poiché la Ferrari si è trovata incapace di superare quello che stava facendo la Red Bull.

Un’attenta analisi dei dati ha mostrato che la Red Bull è stata particolarmente veloce in uscita dalla stretta sequenza di chicane verso la fine del giro, che si è rivelata fondamentale in gara per aiutare Max Verstappen a rimanere fuori dalla portata di Charles Leclerc.

Binotto Ferrari F1
Binotto Ferrari F1

Il team principal Mattia Binotto ha dichiarato: “Stiamo correndo con un po’ più carico aerodinamico in termini di configurazione delle ali: manca velocità sui rettilinei ma normalmente guadagni un po’ di più in curva. Penso che a Miami siamo stati veloce nelle curve 5/6/7, ma non altrettanto in quelle molto lente. Penso che la Red Bull sia stata molto brava sotto questo aspetto. Sono molto bravi con le gomme medie, per essere veloci come noi almeno nelle curve a velocità molto bassa. E’ il motivo per cui dobbiamo valutare e capire. Credo sia nel fatto che hanno ricevuto aggiornamenti nelle ultime gare che hanno reso la loro macchina semplicemente più veloce”.

Leclerc ha calcolato che c’era anche una chiara oscillazione delle prestazioni verso la Red Bull quando le auto montavano le gomme più morbide, specialmente su una distanza di gara.

“Soprattutto sulle mescole più morbide sembrano essere un po’ più forti e bravi nel gestirlee”, ha detto il leader del mondiale. “In qualifica siamo sempre riusciti a mettere quelle gomme nella finestra giusta, il che ci aiuta. Ma sui long run, facciamo fatica un po’ di più rispetto a loro”.

In risposta, il capo del team Red Bull Christian Horner pensa che alla fine ci sia così poco che separa le prestazioni della sua squadra e della Ferrari che i piccoli dettagli contano di più.

“Salta da un circuito all’altro”, ha detto. “Penso che siano molto simili. Loro avevano un carico aerodinamico molto elevato, noi avevamo un carico aerodinamico molto basso e l’assetto ha funzionato per noi”.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: