Il capo della Formula 1 della Honda non sta confermando le speculazioni secondo cui potrebbe ancora frequentare i Gran Premi in collaborazione con la Red Bull il prossimo anno. Ma non le sta neanche smentendo.

Masashi Yamamoto, l’amministratore delegato delle operazioni di F1 di Honda, ammette che sarà “folle” vedere l’unità Honda senza marchio nelle vetture Red Bull e Alpha Tauri per il prossimo anno.

“Sembrerà davvero un po’ folle”, viene citato dalla pubblicazione olandese Formule 1. “Il nostro motore senza il nostro logo. Ma l’obiettivo è diventare campioni quest’anno. Il prossimo è il prossimo anno”.

Tuttavia, è già noto che, nonostante l’uscita ufficiale della Honda dalla Formula 1, il marchio giapponese e la Red Bull continueranno a lavorare insieme in una veste di basso profilo.

“Personalmente penso che sia deludente che ci stiamo ritirando”, ha detto Yamamoto. “Allo stesso tempo, noi di Honda Racing comprendiamo che Honda come casa automobilistica deve impegnarsi a diventare carbon neutral. Quel processo deve essere accelerato, da qui questa decisione”.

Tuttavia, sebbene la Red Bull stia andando da sola come Red Bull Powertrains per il futuro, mentre le voci suggeriscono che Volkswagen potrebbe collaborare con il campo di proprietà delle bevande energetiche, Yamamoto pensa che un ritorno della Honda sia ancora possibile.

“Personalmente penso che la Honda tornerà in Formula 1”, ha detto infatti. “In questo momento Honda deve concentrarsi sul diventare CO2 neutrale e accelerare quel progetto, e se andrà bene, penso che ci siano sicuramente persone all’interno dell’azienda che vogliono tornare in Formula 1”.

È molto probabile che anche alcuni dipendenti Honda attuali lascino semplicemente la Honda e si uniscano alla Red Bull per il 2022 e oltre.

“Dal punto di vista di Honda, la fine di quest’anno è la fine del progetto”, ha detto Yamamoto. “Il 2022 è un periodo di transizione per la Red Bull, con persone della Honda che restano per aiutare. Il modo più semplice per spiegarlo è che tutti i dirigenti, come me e il reparto marketing, se ne saranno andati. Come marchio, Honda non sarà più visibilmente presente”.

Ma anche lo stesso Yamamoto è stato collegato a un potenziale passaggio al campo della Red Bull per il 2022, e a tal proposito ha detto: “Non parlo di mosse personali, ma sto valutando alcune cose”.

A proposito dell'autore

Post correlati

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: