Ross Brawn suggerisce che la F1 stia commettendo un errore con ciò che è pianificato per il 2022, poiché afferma che l’obiettivo delle regole è affrontare aree – come la capacità delle auto di seguirsi l’un l’altra più da vicino (ruota a ruota) – che attualmente mancano.

Stiamo assistendo ad uno dei campionati più belli degli ultimi anni. E questo grazie naturalmente alle continue sfide tra Lewis Hamilton e Max Verstappen, ma soprattutto alla grande varietà di Gran Premi imprevedibili che stanno regalando nuovi vincitori e nuove soddisfazioni anche per piloti emergenti.

Ma Ross Brawn, Managing Director della F1, ha respinto qualsiasi suggerimento che la F1 stia inserendo per l’anno prossimo, ritenendo sia un errore.

Scrivendo nella sua rubrica ufficiale sulla F1, Brawn ha dichiarato: “Questo fine settimana ho sentito alcuni commenti sulla necessità di modificare il regolamento del 2022, dato che attualmente stiamo godendo di una stagione così d’oro. Penso che non si riesca a capire il fatto che, mentre il campionato è entusiasmante quest’anno, le vetture fanno ancora fatica a seguirsi da vicino e a creare opportunità di sorpasso.

“Anche se le regole del 2022 non cambieranno la situazione da un giorno all’altro, penso che siano una piattaforma migliore per migliorare le corse in pista e sono sicuro che una volta che le nuove regole si saranno sistemate, vedremo alcune gare e campionati incredibili in il futuro, con ancora più azione ruota contro ruota”.

Brawn pensa che alcuni cambiamenti avvenuti durante l’era Liberty Media, come il limite di costo, abbiano contribuito al fatto che l’attuale battaglia per il titolo sia così vicina. “Entrambi i campionati sono pronti per portarci fino alla fine della stagione e fornire uno dei finali più emozionanti dell’anno che abbiamo avuto da molto tempo. La F1 è benedetta”, ha detto.

“Perché stiamo vivendo una stagione così bella? Quando gestivo squadre, non c’era il proiettile d’argento. Si trattava di eliminare tutto per apportare miglioramenti incrementali. Credo che sia lo stesso con lo sport. Non ho dubbi sul fatto che il cost cap e le modifiche alle regole che sono state implementate stiano avendo un impatto positivo sulla chiusura e sull’intensità del campionato.

“Le risorse ora sono limitate e i team sono anche concentrati sulla vettura del prossimo anno, che richiede molto tempo e risorse. E tutto questo contribuisce a un campionato serrato”.

Brawn, infine, pensa che sia essenziale, tuttavia, che qualsiasi regola in F1 permetta comunque ai migliori team e piloti di avere la meglio.

“Vogliamo ancora una meritocrazia”, ​​ha affermato. “Vogliamo ancora che vinca la squadra migliore. Ma non vogliamo che vincano di un miglio semplicemente perché hanno un budget più grande di chiunque altro. È piacevole vedere come si stanno sviluppando le cose. Nessuna delle due squadre sta scappando con questo campionato in quella che si sta trasformando in una battaglia per i secoli”.

A proposito dell'autore

Post correlati

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: